OMAN

 
 
 

Oman: Banca mondiale, contrazione Pil del 3,5 per cento nel 2020

Mascate, 10 apr 12:45 - (Agenzia Nova) - Il sultanato dell’Oman registrerà nel 2020 una contrazione del Pil del 3,5 per cento dopo il già debole +0,5 per cento del 2019. È quanto dall’ultimo rapporto sull’economia nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa (Mena) redatto dalla Banca mondiale, secondo cui il sultanato tornerà a crescere nel 2021 al 2,7 per cento. “Si prevede che l'economia dell’Oman mostrerà un marcato rallentamento nel 2020 a causa della flessione del prezzo del petrolio e delle preoccupazioni legate all'epidemia di coronavirus”, si legge nel rapporto della Banca mondiale. Un aumento della produzione di gas e dei piani di spesa per le infrastrutture nel settore non petrolifero contribuirà alla ripresa della crescita nel periodo 2021-2022. I deficit fiscali ed esterni rimarranno sotto pressione, secondo la Banca mondiale, a causa dei bassi prezzi del petrolio e del gas. Le spese ricorrenti rigide manterranno elevato il debito pubblico a circa il 60 percento del Pil nel 2020 e aumenteranno ulteriormente negli anni a venire. I rischi chiave per le prospettive sorgono se il crollo del prezzo del petrolio sarà di lunga durata, il che includerebbe un maggiore indebitamento interno ed esterno e comporterebbe ulteriori declassamenti del rating sovrano e maggiori costi di finanziamento, precisa la Banca mondiale.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE