IMPRESE

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Imprese: il presidente di Nissan Ghosn avrebbe usufruito di immobili aziendali gratis (2)

Tokyo, 20 nov 2018 04:12 - (Agenzia Nova) - Il presidente di Nissan Motor, Carlos Ghosn, è stato arrestato ieri dalle autorità giapponesi e sottoposto a un interrogatorio da una squadra investigativa speciale della Procura distrettuale di Tokyo, per presunte violazioni delle leggi nazionali che regolano le transazioni finanziarie. L’arresto di Ghasn, già ad del gruppo francese Renault, sferra un colpo all’alleanza tra Renault, Nissan e Mitsubishi Motors, che rappresentano collettivamente il secondo attore globale per volume di vendite nel settore dell’automotive. La remunerazione di Ghosn come leader dell’alleanza è stata oggetto di controversi negli ultimi anni: nel 2016, ad esempio, il consiglio degli azionisti aveva votato contro il suo pacchetto retributivo. Quest’anno Ghosn ha ottenuto il sostegno del governo francese al rinnovo del suo mandato soltanto dopo aver acconsentito a ridurre il proprio compenso del 30 per cento. Parigi controlla il 15 per cento di Renault; lo scorso giugno Ghosn ha dichiarato al “Financial Times” che prevede di cedere il proprio ruolo alla guida del gruppo Renault nel 2022; lo scorso febbraio il presidente di Nissan ha firmato un nuovo contratto valido sino a quella data, che punta a rendere l’alleanza tra i tre costruttori di automobili “irreversibile”. (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE