SIRIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Siria: Trump ed Erdogan convergono su "zona di sicurezza", ma Manbij potrebbe far saltare il banco (6)

Roma, 16 gen 2019 18:20 - (Agenzia Nova) - Secondo l’agenzia di stampa turca “Anadolu”, la “zona di sicurezza” si allungherebbe per 460 chilometri parallelamente alla frontiera siro-turca, dalla regione di Manbij fino all’estremo quadrante orientale della provincia di al Hasakah, e sarebbe profonda 32 chilometri. La linea partirebbe dalla Siria occidentale, nei pressi del fiume Sajur e nella parte orientale della regione di Manbij (il cui centro resterebbe tuttavia fuori dalla “zona di sicurezza”) e si allungherebbe fino al distretto di Qamishli nella provincia di al Hasakah, dove sono peraltro presenti le forze governative di Bashar al Assad. All’interno della “zona di sicurezza” finirebbero città e villaggi come Kobani, Tal Abyad, Shuyukh Tahtani, Darbasiyah, Amude, Qahtaniyyah, Jawadiyah e al Malikiyah, centri balzati negli ultimi anni agli onori delle cronache internazionali come fronte della resistenza curda contro lo Stato islamico. Basta questo a suggerire quanto difficile possa risultare l’attuazione del piano Trump-Erdogan. Ma le incognite sono molte di più. Fatti salvi gli interessi di Stati Uniti e Turchia, che convergono evidentemente sull’idea della “zona di sicurezza, occorre valutare le reazioni degli altri attori in gioco. (segue) (Gmr)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE