LIBIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Libia: l’Ue chiede una tregua immediata, ma sul terreno si continua a combattere (3)

Roma, 13 mag 2019 18:55 - (Agenzia Nova) - L'Ue si dice profondamente preoccupata per la perdita di vite umane, per il numero crescente di sfollati interni e per l'impatto sui flussi migratori. "Tutte le parti devono proteggere i civili, migranti e rifugiati compresi, consentendo e facilitando la fornitura sicura, rapida e senza impedimenti di aiuti e servizi umanitari a tutte le persone colpite, come sancito dal diritto internazionale umanitario e dal diritto internazionale dei diritti umani", prosegue il comunicato. I ministri europei ricordano che "attacchi indiscriminati in zone residenziali densamente popolate possono costituire crimini di guerra e che i responsabili di violazioni del diritto internazionale umanitario devono essere chiamati a rispondere delle loro azioni". Per i ministri riuniti a Bruxelles "non esiste una soluzione militare alla crisi in Libia" ed è necessario che "tutte le parti si impegnino nuovamente nel dialogo politico facilitato dalle Nazioni Unite e si adoperino a favore di una soluzione politica globale alla crisi in Libia, come convenuto a Parigi nel maggio 2018, a Palermo nel novembre 2018 e ad Abu Dhabi nel febbraio 2019, per aprire la strada allo svolgimento di elezioni nazionali". (segue) (Asc)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE