UE

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Ue: ministro greco Staikouras chiede "solidarietà" ai colleghi dell'eurozona (2)

Atene, 07 apr 08:48 - (Agenzia Nova) - Il gruppo di lavoro dell'Eurogruppo riunitosi ieri ha mostrato che permane certa distanza tra i governi dei paesi nord europei e quelli del sud, per quanto riguarda le condizioni di finanziamento del meccanismo di sostegno europeo. I primi pretendono la presenza di alcune condizioni nello strumento di finanziamento, anche se in versione più leggera rispetto ai termini imposti ai paesi durante la crisi del debito degli anni 2010. I governi dei paesi mediterranei, in primis l’Italia, rifiutano invece il principio di condizionalità. In linea di principio è stato raggiunto un accordo sull'aumento della capacità di prestito della Banca europea per gli investimenti (Bei) e sul programma Sure – che servirà ad affrontare i rischi della disoccupazione durante l’emergenza – che prevede l'emissione di prestiti per un valore di 100 miliardi di euro agli Stati membri. Tuttavia, resta in sospeso il dibattito sulla mutualizzazione del debito, come un Eurobond. (Gra)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE