USA

 
 
 

Usa: 78 per cento pazienti in terapia intensiva malati di cuore, diabete o fumatori

New York, 01 apr 01:52 - (Agenzia Nova) - Le persone con diabete, malattie polmonari croniche, malattie cardiache o i fumatori possono vedere aumentare rischio di sviluppare gravi complicazioni se vengono infettate dal coronavirus. Lo ha affermato nel suo primo studio sulla diffusione del coronavirus in Usa il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), la massima autorità sanitaria degli Stati Uniti. Nel rapporto che esamina le condizioni di salute pregresse che potrebbero peggiorare il Covid-19, il Cdc ha analizzato i dati di casi confermati in tutti i 50 Stati e quattro territori degli Stati Uniti tra il 12 febbraio e il 28 marzo. L'agenzia ha esaminato 7.162 casi in cui erano disponibili dati su condizioni di salute pregresse o altri potenziali fattori di rischio. Tra i 7.162 casi statunitensi, il 37,6 per cento presentava una o più condizioni di salute o fattori di rischio pregressi e il 62,4 per cento non presentava nessuna di queste condizioni. Le condizioni più comunemente segnalate sono state il diabete, le malattie polmonari croniche e le malattie cardiovascolari.

Il Cdc ha riscontrato che una percentuale più elevata di pazienti con condizioni pregresse è stata ricoverata in ospedale o in terapia intensiva rispetto ai pazienti senza malattie. Circa il 78 per cento dei pazienti in terapia intensiva e il 71 per cento dei pazienti ricoverati in Covid-19 presentavano una o più di queste malattie. Al contrario, il 27 per cento dei pazienti non ricoverati in ospedale presentava almeno di queste condizioni di salute.
(Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE