USA

 
 
 

Usa: Wall Street chiude il peggior trimestre dalla crisi del 2008

New York, 31 mar 23:46 - (Agenzia Nova) - Le azioni quotate sulla borsa statunitense hanno chiuso il loro peggior trimestre dalla crisi finanziaria del 2008, un colpo al mercato che pochi investitori avrebbero potuto prevedere all'inizio dell'anno, quando l'economia Usa continuava a crescere con un passo mai visto prima. Solo pochi mesi fa, i gestori dei portafogli di azioni erano ottimisti sul fatto che l'economia globale avrebbe continuato a crescere per tutto il 2020. Gli Stati Uniti e la Cina sembravano aver fatto progressi per arrivare a un accordo commerciale e le banche centrali di tutto il mondo sembravano pronte a mantenere i tassi di interesse stabili. Tuttavia la pandemia di coronavirus ha cancellato tutte le previsioni, investendo tutto il mondo, anche se all'inizio i principali osservatore credevano che l'emergenza avrebbe colpito soltanto la Cina e non tutto il mondo.

L'indice S&P 500 ha chiuso con un calo di 42,06 punti, ovvero dell'1,6 per cento, a 2.584,59, registrando una perdita del 20 per cento per il trimestre, il suo più grande declino trimestrale dal 2008. Il Dow Jones è sceso di 410,32 punti, ovvero dell'1,8 per cento, a 21.917,16 e ha perso 23 per cento nel trimestre, il suo peggior risultato dal 1987. Il Nasdaq è scivolato di 74,05 punti, o l'0,1 per cento, a 7.700,10 e ha chiuso il trimestre in calo del 14 per cento. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE