SPECIALE INFRASTRUTTURE

 
 
 

Speciale infrastrutture: Burundi-Egitto, Shoukry incontra Nkurunziza, focus su Diga rinascita

Il Cairo, 18 mar 17:00 - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha incontrato il presidente del Burundi, Pierre Nkurunziza, durante la sua visita a Bujumbura. Nel corso dell'incontro, si legge in una nota del ministero degli Esteri, Shoukry ha consegnato a Nkurunziza un messaggio del presidente egiziano Abdel-Fatah al Sisi sulla posizione egiziana in merito ai colloqui sul riempimento e sul funzionamento della Grande diga della rinascita etiope (Gerd). Il mese scorso l'Egitto è stato il solo a firmare a Washington l'accordo finale sul riempimento e il funzionamento della diga, dal momento che l'ultimo round di colloqui è stato boicottato dall'Etiopia e dal Sudan. La realizzazione della diga ha innescato un duro scontro diplomatico fra Egitto ed Etiopia: Il Cairo teme infatti che la diga, annunciata nel 2011 e in costruzione sul Nilo Azzurro al confine fra Etiopia e Sudan, limiterà le forniture di acque del Nilo dalle quali è quasi interamente dipendente la sua popolazione di oltre 100 milioni di persone, mentre Addis Abeba nega che la diga minerà l'accesso dell'Egitto all'acqua e afferma che il progetto è cruciale per il suo sviluppo economico, con cui diventerebbe il più grande esportatore di energia dell'Africa con una capacità prevista di oltre 6 mila megawatt (Mw). Al termine della sua 153ma sessione, il Consiglio della Lega araba ha adottato una risoluzione in cui si respinge qualsiasi forma di "violazione dei diritti storici dell'Egitto sulle acque del fiume Nilo", dichiarazione che non è stata sottoscritta solo dal Sudan, unico dei 22 paesi membri della Lega araba a non aderire al documento. Quest'ultimo è stato presentato dall'Egitto per sottolineare "il sostegno arabo ai diritti idrici dell'Egitto e del Sudan. "Nel motivare la sua decisione, la parte sudanese ha sostenuto che una simile dichiarazione congiunta "non è nel migliore interesse del Sudan" e che l'intervento della Lega araba sulla questione "potrebbe mettere ulteriormente a dura prova le relazioni arabo-etiopi", come riferito dall'emittente "Al Arabiya". Per l’Egitto, la risoluzione della Lega araba che invita l'Etiopia a rispettare le norme applicabili del diritto internazionale e a non adottare misure unilaterali che potrebbero danneggiare i diritti dei paesi confinanti, riflette invece “lo sgomento e il malcontento” nei confronti di Addis Abeba. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..