ISRAELE
Mostra l'articolo per intero...
 
Israele: dimissioni presidente parlamento e coronavirus portano a nuova crisi istituzionale (6)
 
 
Gerusalemme, 25 mar 16:55 - (Agenzia Nova) - Secondo il piano di congelamento politico ideato dal numero due di Kahol Lavan, Yair Lapid, la coalizione sosterrebbe il governo su qualsiasi decisione presa per affrontare la crisi, in cambio del controllo della Knesset che consentirebbe di approvare delle leggi che metteranno da parte Netanyahu e guidare le commissioni Esteri e Difesa. Martedì, 24 marzo, Netanyahu ha dichiarato, da parte sua, che la pandemia da coronavirus è stata un momento cruciale in cui è stato necessario esercitare la leadership e la responsabilità nazionale, sostenendo che i disaccordi tra i rivali riguardo alle specificità di un governo di unità sono piccoli e possono essere superati. "I cittadini di Israele hanno bisogno di un governo di unità che agisca per salvare le loro vite e mezzi di sostentamento", ha detto, rivolgendosi a Gantz. "Non è il momento delle quarte elezioni. Incontriamoci ora e formiamo un governo oggi. Ti sto aspettando”, ha aggiunto. Il governo in carica di Netanyahu è finito nell'occhio del ciclone per la gestione della crisi sanitaria e in particolare per la decisione di monitorare i telefoni dei cittadini. La misura consente ai servizi segreti e alla polizia di rintracciare i telefoni civili per monitorare il movimento dei pazienti affetti da coronavirus, ma non è stata approvata dal parlamento. (segue) (Mom)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..