ENERGIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Energia: Egitto, Eni raggiunge un accordo con i partner per risolvere amichevolmente le dispute pendenti di Union Fenosa Gas, consentendo riavvio impianto Gnl di Damietta
 
 
Roma , 27 feb 16:09 - (Agenzia Nova) - Eni ha firmato oggi una serie di accordi con la Repubblica araba d’Egitto, la Egyptian General Petroleum Corporation (Egpc), la Egyptian Natural Gas Holding Company (Egas) e la società spagnola Naturgy, che aprono la strada per il riavvio dell’impianto di liquefazione di Damietta in Egitto entro giugno 2020. Lo riferisce oggi un comunicato stampa di Eni. L’impianto di liquefazione, di proprietà della società Segas, partecipata al 40 per cento da Eni attraverso Union Fenosa Gas (50 per cento Eni e 50 per cento Naturgy), ha una capacità di 7,56 miliardi di metri cubi all’anno ma è fermo dal novembre del 2012. Anche grazie alla rapida messa in produzione delle nuove scoperte di gas naturale di Eni, soprattutto dai campi di Zohr e Nooros, l’Egitto ha riacquistato la piena capacità di soddisfare la domanda interna di gas e può destinare la produzione eccedente all’esportazione attraverso gli impianti di Gnl. Gli accordi prevedono la risoluzione amichevole delle dispute pendenti di Union Fenosa Gas e Segas con Egas e Repubblica Araba d'Egitto e la successiva ristrutturazione societaria della stessa Union Fenosa Gas, i cui asset saranno ripartiti fra i soci Eni e Naturgy. (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..