MYANMAR
Mostra l'articolo per intero...
 
Myanmar: Consiglio sicurezza Onu diviso su crisi rohingya (9)
 
 
Washington, 05 feb 06:23 - (Agenzia Nova) - Le operazioni militari, culminate nella fuga di oltre 743 mila rohingya nel Bangladesh, sarebbero state segnate da uccisioni e stupri di massa, torture e altri gravissimi crimini di guerra.Durante le audizioni pubbliche, che la Corte internazionale di giustizia ha convocato dal 10 al 12 dicembre scorsi, il Gambia ha avanzato la richiesta di “misure provvisorie”: in buona sostanza, il paese africano chiede che al Myanmar venga impedito di condurre altre atrocità contro la minoranza rohingya, e di proteggere la comunità musulmana di Rakhine da ulteriori danni irreparabili, prima di proseguire all’individuazione dei responsabili. Dal 1948 ad oggi, la Corte è stata chiamata ad esprimersi tre volte in merito alla presunta violazione della Convenzione sulle prevenzione e la repressione del delitto di genocidio. Nel 2015, la Corte ha stabilito che né la Croazia né la Serbia si siano macchiate di genocidio durante le ostilità del 1991-1995. La Corte ha assolto la Serbia dalla medesima accusa nel 2007. (was)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..