GOVERNO
 
Governo: Conte guarda oltre le polemiche sulla prescrizione e lancia il Piano per il Sud
 
 
Roma, 14 feb 14:38 - (Agenzia Nova) - La partita sulla prescrizione resta aperta e rischia di avere strascichi fatali per la maggioranza. Dopo il richiamo politico rivolto ieri a Matteo Renzi e ai suoi parlamentari, da giorni sulle barricate con dichiarazioni al vetriolo, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, cerca però di guardare avanti e questa mattina è volato in Calabria per presentare l'ambizioso Piano per il Sud ideato messo a punto dal governo. Basta polemiche, dunque, e avanti con il lavoro serrato sui temi d'interesse nazionale. Un invito alla concretezza fatto anche dal segretario del Pd Nicola Zingaretti, che ha rilevato la necessità "di un'agenda di governo che valga la pena di condividere ed essere di realizzata". In questo scenario si inserisce la trasferta calabrese del presidente, arrivato a Gioia Tauro insieme al ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, e a Lucia Azzolina, titolare del ministero dell'Istruzione. Due ministri, ma anche due esponenti dei partiti che in questo momento sostengono con più convinzione il governo: Pd e Movimento 5 stelle.

Un modo per ribadire l'unità di intenti dell'esecutivo, che in Calabria ha presentato un pacchetto di misure che si concentra in particolare su cinque obiettivi per lo sviluppo, come spiegato dallo stesso ministro Provenzano: "Sud per i giovani, Sud connesso e inclusivo, Sud al centro della svolta ecologica, Sud frontiera di innovazione e Sud aperto al Mediterraneo", che rappresentano "le sfide che ci chiede il nostro tempo". Conciliante anche il presidente Conte, che nel presentare le misure ha voluto ricordare che "tutti i ministri hanno contribuito a questo progetto perché è un progetto corale di tutti noi che abbiamo preso questo impegno". Un ramoscello d'ulivo seguito da una lieve stoccata al senatore fiorentino: "Ci piace una politica che offre lavoro di squadra e un clima operoso, una politica che si fonda su un impegno serio e che non si distrae rispetto alle polemiche ma si affida alla piena e leale collaborazione. Che cosa ha detto lui oggi sul Sud?". Di certo, non c'è nessuna possibilità per un governo 'Conte ter'. "Ho un programma da realizzare ed orizzonti futuri non mi appartengono", ha specificato il premier.

Ma la richiesta di collaborazione e serietà è arrivata anche dal segretario del Pd Nicola Zingaretti che, ascoltate le parole di Conte, ha esultato: "Si torna finalmente a parlare delle persone e del loro futuro. Il piano per il Sud è la conferma delle tante cose concrete, utili e positive che si potrebbero fare per gli italiani e per il Paese se solo prevalesse il buon senso, la solidarietà, la responsabilità". Tentativi di ricucire lo strappo che, almeno a giudicare dai messaggi sui social, non sembrano avere fatto breccia fino in fondo nei renziani. Almeno a giudicare dalle parole dell'ex primo ministro che, mentre il governo era impegnato a Gioia Tauro, ha lanciato il suo "ultimo messaggio sulla prescrizione". Messaggio non proprio conciliante visto che il presidente viene definito "il maggiore esperto di cambi di maggioranze: se vuole cacciarci è un suo diritto. Noi sulla prescrizione non molliamo di un centimetro". (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..