IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: ingenti misure di sicurezza per manifestazioni a Baghdad (3)
 
 
Baghdad, 24 gen 08:28 - (Agenzia Nova) - Dopo il raid aereo che la notte del 3 gennaio ha provocato l’uccisione a Baghdad del generale iraniano Qasem Soleimani, comandante della Forza Qods dei Guardiani della rivoluzione islamica, e del leader delle Brigate Hezbollah Abu Mahdi al Muhandis, numero due delle Unità di mobilitazione popolare (Pmu), in Iraq si è consolidato il fronte che già da mesi chiedeva l’espulsione delle forze statunitensi dal territorio nazionale. Domenica 5 gennaio, due giorni dopo l’attacco, la Camera dei rappresentanti ha votato una risoluzione non vincolante che impegna il governo del premier dimissionario Adel Abdul Mahdi ad annullare gli accordi che forniscono la base legale per la presenza militare degli Stati Uniti e degli altri paesi membri della Coalizione internazionale contro lo Stato islamico in Iraq. La sessione è stata tuttavia boicottata dalle forze politiche sunnite e curde. (Irb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..