GUATEMALA

 
 
 

Guatemala: primo gruppo migranti centroamericani giunti al confine con il Messico

Città del Guatemala, 17 gen 18:14 - (Agenzia Nova) - Almeno 150 migranti partiti dalla città honduregna di San Pedro Sula sono arrivati questa mattina al confine con il Messico. Lo riferisce il quotidiano messicano “Milenio”, secondo cui il gruppo è giunto in prossimità del ponte frontaliero di Tecun Uman, in Guatemala. Una nuova carovana di migranti centroamericani si è messa martedì in viaggio dall’Honduras per raggiungere gli Stati Uniti. Secondo quanto riferisce il quotidiano “La Prensa” oltre mille persone provenienti da diverse parti del paese si sono radunate in serata presso la stazione centrale degli autobus di San Pedro Sula e da lì hanno iniziato il viaggio verso il vicino Guatemala. Un altro gruppo ha annunciato che si sarebbe messo in marcia mercoledì dalla località di Aguacaliente, non lontano dal confine.

Lo scorso luglio Guatemala e Stati Uniti hanno firmato un accordo in materia di asilo. Si tratta del cosiddetto accordo di "terzo paese sicuro" che obbliga i migranti, in maggioranza salvadoregni e honduregni che passano dal Guatemala per recarsi negli Stati Uniti, a richiedere protezione prima nello stato guatemalteco invece che al confine con gli Stati Uniti. L'accordo, firmato dal segretario alla Sicurezza nazionale Kevin McAleenan e da un alto funzionario guatemalteco nello Studio Ovale, mira a limitare le domande di asilo statunitensi provenienti dall'America centrale.

In un'intervista rilasciata alla vigilia del suo insediamento, il nuovo presidente del Guatemala Alejandro Giammattei ha dichiarato che il nuovo governo del Guatemala dovrà rivedere l’accordo migratorio siglato dal precedente esecutivo con gli Stati Uniti.“Non conosciamo tutto l’accordo di asilo siglato dal governo di Jimmy Morales con gli Stati Uniti, però se è come crediamo che sia, bisognerà fare una modifica”, ha detto il presidente eletto in un’intervista rilasciata a “France24”, criticando il governo precedente per la “poca comunicazione”. In particolare, ha detto Giammattei, è importante discutere con gli Stati Uniti “la quantità di persone in ingresso, chi si assumerà le spese di gestione e per quanto tempo queste persone resteranno in Guatemala”.

La questione è stata al centro di un incontro tra Giammattei e il segretario al Commercio Usa, Wilbur Ross, avvento ieri in occasione dell'insediamento del presidente guatemalteco. “Si è tenuto il primo incontro bilaterale con il segretario al Commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, con cui abbiamo parlato di come attrarre investimenti nel paese per stimolare la crescita economica in Guatemala, contribuendo a frenare la migrazione”, ha scritto Giammattei sul suo account Twitter.

Commentando la partenza della nuova carovana dall'Honduras Giammattei ha dichiarato che avrebbe consentito ai migranti il transito sul territorio guatemalteco, ma ha avvertito che le autorità messicane non avrebbero fatto lo stesso. Il governo messicano “farà tutto ciò che è in suo potere per impedire che passino”, ha detto Giammattei, secondo quanto riferisce il quotidiano “Prensa Libre”. Il presidente guatemalteco ha quindi affermato di avere avuto un incontro con il ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard, il quale lo avrebbe avvertito che il suo governo non farà passare la carovana.

La scorsa estate Messico e Stati Uniti hanno siglato un accordo sul controllo dei flussi migratori, che ha di fatto consentito al paese latino di scongiurare i dazi alle importazioni minacciati dalla Casa Bianca. Sulla base dell'accordo, il Messico si è impegnato a incrementare "significativamente il suo sforzo" nell'applicazione della legge che mette un freno alla migrazione regolare, utilizzando a tal fine la Guardia nazionale, il nuovo corpo voluto dal presidente Andres Manuel Lopez Obrador per fare fronte agli altissimi indici di criminalità nel paese. La Guardia nazionale verrà impiegata "su tutto il territorio nazionale, dando priorità alla frontiera sud", quella con il Guatemala, punto di raccolta dei flussi in arrivo dai paesi centroamericani. (Mec)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE