SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Albania, ente distribuzione elettricità chiude il 2019 in perdita, buco da 60 milioni di euro
 
 
Tirana, 20 gen 14:30 - (Agenzia Nova) - L'operatore albanese di distribuzione di energia elettrica (Osshe) prevede di chiudere in perdita il bilancio del 2019, con un buco stimato attorno ai 7,4 miliardi di lek, circa 60 milioni di euro. Lo ha reso noto la stessa società in comunicato ufficiale. "Il dato riflette l'ininterrotta fornitura di energia elettrica, la gestione della situazione finanziarie senza chiedere sovvenzioni statali e il mantenimento invariato delle tariffe di energia elettrica per gli utenti", ha spiegato la società, osservando che lo scorso anno "potrebbe considerarsi quale uno dei più difficili a causa della grande siccità accompagnata da una forte contrazione della produzione di energia dalle centrali idroelettriche statali e private". In Albania l'intera produzione di energia elettrica è basata sulle fonti idriche. "Gli inevitabili costi di importazione di energia elettrica e il rimborso dei debiti arretrati hanno portato al peggioramento del risultato finanziario della società", spiega l'Osshe. La società ottiene principalmente la fornitura di energia elettrica dalla Kesh, l'azienda statale di produzione di energia, con un prezzo di 1,5 lek (0,01 euro) per kilowatt/ora. L'Osshe ha spiegato che a causa del calo della produzione da parte della Kesh ha dovuto ricorrere alle importazioni con un prezzo medio di 9,2 lek (0,08 euro). "Di seguito, per poter garantire la copertura della fornitura agli utenti, è stata spesa la cifra record di 350 milioni di euro, circa 73 milioni di euro in più", ha osservato la società aggiungendo che "altri 1,2 miliardi di lek (9,8 milioni di euro) sono andati per il rimborso degli obblighi arretrati nei confronti della Kesh". La società ha però sottolineato che "tuttavia i nostri principali obiettivi, non sono stati messi a rischio". Secondo i dati diffusi dall'Osshe le perdite nella rete di distribuzione sono scesi a 21,7 per cento da 23,9 per cento dell'anno precedente. Mentre "gli incassi dovrebbero essere a quota del 97 per cento, ossia 2 per cento in più rispetto alle previsioni e al Piano della ripresa del settore di energia elettrica. Gli introiti dalla vendita di energia elettrica risultano del 2 per cento in più, ossia 1,3 miliardi di lek (10,6 milioni di euro) in più", spiega la società, facendo sapere che "nelle casse dello Stato sono finiti 8,1 miliardi di lek (oltre 66 milioni di euro), in forma di obblighi fiscali". (Alt)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..