SUDAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Sudan: governo annuncia consegna di Bashir alla Cpi, ma restano dubbi su modi e tempi
 
 
Khartum, 12 feb 17:45 - (Agenzia Nova) - Con una decisione annunciata a sorpresa, il governo di transizione del Sudan ha accettato l’estradizione dell’ex presidente Omar al Bashir, al potere per 30 anni, e la sua consegna alla Corte penale internazionale (Cpi) dell’Aja. L’annuncio è arrivato ieri tramite il portavoce del governo, Mohammed Hassan al Taishi, a margine dei colloqui con i ribelli del Darfur, in corso nella capitale del Sud Sudan, Giuba. Oltre a Bashir, saranno estradate altre tre persone indagate per i crimini di guerra dalla Corte dell'Aja: Abdel Rahim Hussein, Ahmed Haroun e un leader della milizia Janjawid, Ali Kushayb. “Abbiamo concordato di sostenere pienamente la Cpi accettando di consegnare Bashir e altri tre imputati”, ha detto Taishi, precisando che questa è la posizione ufficiale del governo. Taishi ha aggiunto che il governo di transizione del Sudan ha la volontà politica di porre fine al conflitto nel Darfur, precisando al contempo che la giustizia è l'unico modo per raggiungere un accordo di pace globale. “Stiamo facendo ciò che il popolo sudanese ci ha chiesto di fare”, ha affermato il portavoce, ribadendo che nessuno è al di sopra della giustizia. “Stiamo lavorando molto duramente per raggiungere un accordo di pace globale che metta fine alle cause che hanno portato al conflitto (nel Darfur) e stiamo cercando di risolvere i problemi del nostro paese per prepararlo per il futuro”, ha aggiunto Taishi, che è membro del Consiglio sovrano del Sudan, l'organismo che sovrintende alla transizione del paese verso la democrazia dopo la destituzione del presidente Bashir nell’aprile scorso. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..