SUD SUDAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Sud Sudan: opposizione armata Splm-Io non parteciperà a governo senza risoluzione controversie (2)
 
 
Giuba, 13 feb 13:03 - (Agenzia Nova) - Martedì scorso i paesi della Troika (Stati Uniti, Regno Unito e Norvegia) hanno invitato le parti in conflitto in Sud Sudan a trovare un accordo per formare un governo di transizione e a non intraprendere "azioni unilaterali" dopo la fine dei colloqui tenuti nei giorni scorsi ad Addis Abeba. "Incoraggiamo tutte le parti, incluso il governo, a raggiungere un consenso sulla via da seguire per il numero di Stati" che il Sud Sudan dovrà avere, si legge nel documento citato dai media locali. Per i tre paesi, "il rifiuto di scendere a compromessi e andare avanti mina l'accordo, rischia il cessate il fuoco ed erode la fiducia del pubblico e dei partner (internazionali)". I membri dell'Unione Africana - che negli stessi giorni proprio nella capitale etiope hanno partecipato alla 33ma Assemblea generale dell'organizzazione - e la comunità internazionale si sono opposti a qualsiasi tentativo delle parti di prorogare ulteriormente oltre il 22 febbraio il periodo di formazione del governo di transizione, minacciando sanzioni contro chiunque ostacolasse il processo di pace. Nel quadro del vertice Ua, l'ambasciatore del Sud Sudan in Etiopia e presso l'Unione Africana, James Morgan, ha ribadito il diritto di Giuba alla sovranità nazionale nonostante le difficoltà incontrate dalle parti. "Faremo questo governo (di transizione) con o senza Riek Machar", ha detto il diplomatico, per il quale “nessuno ci dirà quanti Stati il Sudan del Sud dovrà avere, siamo sovrani". Il riferimento va in particolare agli Stati Uniti: il vicesegretario degli Stati Uniti per gli Affari africani, Tibor Nagy, ha dichiarato di recente che la comunità internazionale “ha perso la pazienza” con le parti in conflitto in Sud Sudan. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..