INDIA
Mostra l'articolo per intero...
 
India: stupro di gruppo di Delhi, tribunale respinge ricorso per documenti mancanti (5)
 
 
Nuova Delhi, 25 gen 13:14 - (Agenzia Nova) - La sera del 16 dicembre 2012 la ragazza, che viaggiava su un autobus insieme a un amico, fu picchiata, stuprata e torturata dagli altri sei uomini presenti a bordo, incluso l’autista. Morì undici giorni più tardi a causa delle lesioni riportate, dopo essere stata trasferita in un ospedale di Singapore. Il caso suscitò indignazione in India, dove ci furono manifestazioni e scontri tra manifestanti e polizia, e all’estero. La giovane vittima divenne un simbolo. La sua storia è stata raccontata anche dal documentario della Bbc “India’s Daughter” e dal film di Deepa Mehta “Anatomy of Violence”. Tutti gli accusati furono arrestati e incriminati per stupro e omicidio. Uno di loro, Ram Singh (fratello di Mukesh), morì in carcere l’11 marzo 2013, secondo la polizia per suicidio, circostanza messa in dubbio dai suoi familiari e legali. L’unico minorenne fu condannato al massimo della pena: tre anni di detenzione in un riformatorio, che ha scontato. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..