CONGO-KINSHASA
Mostra l'articolo per intero...
 
Congo-Kinshasa: Amnesty, insicurezza e impunità permangono dopo un anno di presidenza Tshisekedi (2)
 
 
Kinshasa, 24 gen 16:28 - (Agenzia Nova) - La brutale repressione delle proteste pacifiche, avverte Amnesty nel rapporto, continua a mettere in dubbio il rispetto dei diritti alla libertà di espressione e di riunione pacifica nella Rdc, come nel caso delle 10 persone uccise nel novembre scorso dalle forze di sicurezza nella regione Beni per aver manifestato contro l'uccisione di civili da parte dei ribelli. Inoltre, denuncia l’Ong, solo pochi membri del personale di sicurezza sono stati perseguiti a causa della brutale repressione delle proteste negli ultimi 12 mesi e durante la crisi elettorale iniziata nel 2015. “Tutti gli organi di sicurezza e le autorità del paese sono tenuti a rispettare, proteggere e promuovere i diritti umani dei manifestanti pacifici. Le persone accusate dell'uso eccessivo della forza devono essere processate in un processo equo”, ha dichiarato Muchena. Il rapporto denuncia inoltre l’uccisione di almeno 2016 civili per mano delle Forze democratiche alleate (Adf, le milizie ribelli ugandesi attive nella provincia del Nord Kivu) tra il 30 ottobre e il 16 dicembre 2019, nel pieno di un'operazione militare lanciata dal governo per sconfiggere i ribelli. (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..