TUNISIA
 
Tunisia: Partito destouriano libero a “Nova”, “non sosterremo il governo Fakhfakh”
 
 
Tunisi, 21 gen 15:25 - (Agenzia Nova) - Il Partito destouriano libero (Pdl, formazione politica considerata vicina al passato regime di Ben Ali) non sosterrà il governo del premier incaricato Elyes Fakhfakh. Lo ha detto oggi ad “Agenzia Nova” Karim Krifa, uno dei leader del partito politico tunisino, esprimendo sorpresa per la scelta del presidente della Repubblica, Kais Saied, di affidare a Fakhfakh l’onere di formare un nuovo esecutivo. Krifa ha detto che il Pdl contrasterà “il governo dei Fratelli musulmani e i loro derivati” dai banchi dell’opposizione, ricordando il passato di Fakhfakh nei precedenti governi tunisini di Ali Larayedh e Hamadi Jebali. "La designazione di questo premier ci riporta al periodo più buio della storia della Tunisia. È uno degli architetti del crollo della finanza e della politica monetaria ed è, insieme ai suoi successori, responsabile della crisi che sta scuotendo il paese", ha aggiunto Krifa.

Fakhfakh è stato incaricato ieri sera, 20 gennaio, dal capo dello Stato Kais Saied di formare l'esecutivo dopo che l'esecutivo "di competenze nazionali" proposto dall'ex capo del governo nominato, Habib Jemli, non è riuscito a ottenere la fiducia dell'Assemblea dei rappresentanti del popolo (Arp), raccogliendo solo 72 voti favorevoli, a fronte di 134 voti contrari e 3 astensioni. Il nuovo premier designato della Tunisia è un ingegnere classe 1972 ed esponente del partito di centro-sinistra Ettakatol. Il nome di Fakhfakh è stato scelto tra 29 candidati di diversi blocchi e partiti rappresentati in Parlamento ed era il candidato della Corrente democratica e di Tahya Tounes. Fakhfakh è stato ministro del Turismo dal 24 dicembre 2011 al 13 marzo 2013 durante i governi di Ali Larayedh e Hamadi Jebali, guidando il dicastero delle Finanze dal 19 dicembre 2012 al 29 gennaio 2014. All'inizio della carriera ha lavorato per la società petrolifera francese Total con l'incarico di risolvere problematiche tecniche ed organizzative nei siti europei, statunitensi e asiatici. Dal 2004 al 2006 ha diretto un nuovo sito industriale di Total in Polonia. In seguito è stato direttore generale di una società industriale tunisina specializzata nella componentistica delle automobili, per poi entrare in politica. Se il nuovo premier non riuscirà a ottenere la fiducia del parlamento, il presidente ha facoltà di sciogliere l’assemblea e convocare nuove elezioni legislative entro 45 e 90 giorni al massimo. (Tut)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..