BOLIVIA
 
Bolivia: elezioni presidenziali, candidato di Evo annuncia ritorno in patria per campagna elettorale
 
 
Buenos Aires, 20 gen 23:29 - (Agenzia Nova) - Il candidato ufficiale del Movimiento al socialismo (Mas) alle elezioni del 3 maggio in Bolivia, Luis Arce Catacora, ha affermato che, nonostante la sua attuale condizione di esiliato politico in Messico, tornerà in Bolivia per partecipare della campagna elettorale nel suo Paese. Lo ha dichiarato nel corso della sua prima conferenza stampa ufficiale come candidato tenutasi oggi a Buenos Aires, in Argentina. L'ex ministro dell'Economia di Evo Morales, considerato l'autore del miracolo economico boliviano degli ultimi anni, si è detto convinto che "il Mas trionferà" alle elezioni e che il suo partito si propone di "riprendere il sentiero di crescita economica degli ultimi 14 anni senza ricorrere al modello neoliberale". Arce ha denunciato l'attuale contesto di "censura" e "persecuzione" da parte del governo di Jeanine Anez anche se si è detto convinto che il Mas "non dovrà far fronte a un risultato avverso".

Riguardo all'eventualità considerata precedentemente da Evo Morales di convocare una missione di osservatori internazionali, Arce ha affermato che si "valuteranno i passi da seguire per garantire lo svolgimento corretto delle elezioni". "Siamo sicuri che quello che noi offriamo al popolo boliviano è l'opzione migliore", ha detto il candidato del Mas, secondo il quale "tutti vogliono un migliore stipendio, un lavoro, accesso al credito, una Bolivia produttiva". Al contrario, secondo Arce, oggi "i boliviani hanno paura, ritirano i depositi dalle banche, la stabilità è a rischio, c'è incertezza". "Il colpo di Stato non ha danneggiato solo la struttura democratica del Paese ma anche quella economica, è stato un golpe economico", ha denunciato Arce. "La gente comprende che con il golpe si vuole tornare al passato quando poche famiglie si spartivano gli affari", ha aggiunto.

L'ex presidente della Bolivia, Evo Morales, ha annunciato ieri che sarà l'ex ministro Luis Arce Catacora il candidato ufficiale alla presidenza del Movimento al socialismo (Mas) alle elezioni del 3 maggio. Al suo fianco, come aspirante vice, correrà David Choqeuhuanca, a lungo titolare del ministero degli Esteri dei governi dello stesso Morales. L'annuncio è stato dato al termine di un incontro tenuto dai vertici del partito a Buenos Aires, la capitale argentina nella quale Morales si trova da metà dicembre in qualità di rifugiato. In conferenza stampa, l'ex capo di Stato ha illustrato il percorso che ha portato alla selezione del ticket presidenziale.

Oltre ai due prescelti, la lista di "precandidati" comprendeva anche Diego Pary, ultimo ministro degli Esteri del governo Morales, e il giovane dirigente "cocalero" Andronico Rodriguez. Quest'ultimo, in testa ai sondaggi, era stato indicato dal Patto dell'unità - piattaforma delle organizzazioni sociali che sostengono il Mas - come aspirante vice in ticket con Choquehuanca. Morales ha riconosciuto la popolarità di Andronico, ma avvertito i giovani dell'importanza di "sapersi sacrificare per un processo politico". Arce Catacora, nato a settembre del 1963, è stato ministro delle Finanze nel 2006, all'epoca del primo governo Morales. Nel 2009 è stato nominato ministro dell'Economia e delle Finanze pubbliche. A giugno del 2017 ha lasciato l'incarico per riassumerlo poi 18 mesi dopo. L'aspirante presidente, "garantisce l'economia", ha detto Morales ricordando la crescita economica e produttiva che ha realizzato il Paese andino negli ultimi anni. (Abu)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..