LIBANO
 
Libano: stallo nella formazione dell'esecutivo a causa di partiti in cerca di maggiore rappresentanza
 
 
Beirut , 17 gen 16:35 - (Agenzia Nova) - In Libano, le richieste per una maggior rappresentazione a livello governativo da parte di alcuni partiti hanno vanificato gli sforzi per la formazione di un nuovo esecutivo. Lo riferisce il quotidiano libanese in lingua inglese "Daily Star" citando proprie fonti. Tra i gruppi in cerca di una maggiore rappresentazione figura il Partito nazionalista sociale siriano, che ha richiesto la guida di un ministero pur avendo solamente due deputati sui 128 del parlamento di Beirut. I cristiano-democratici del Movimento Marada e le altre formazioni cristiane domandano entrambi due dicasteri ciascuno nel governo. Stando a indiscrezioni sulla formazione del gabinetto poi sfumata, sia Marada che il fronte cristiano avrebbero ottenuto un ministro ciascuno. Il patriarca cattolico greco-melchita, Joseph Absi, avrebbe contattato negli scorsi giorni il premier designato Hassan Diab per domandare una migliore rappresentazione. Talal Arslan, deputato e leader del Partito democratico libanese, avrebbe inoltre chiesto per sé il ministero dell'Industria e un'altro dicastero per i drusi. Il rivale druso di Arslan, il capo del Partito socialista progressista Walid Jumblatt ha detto che il suo blocco non parteciperà al prossimo esecutivo. La nomina del nuovo gabinetto ministeriale era prevista per ieri dopo l'incontro del premier designato Diab con il presidente del parlamento Nabih Berri. Sullo sfondo di una grave crisi economica, lo stallo politico nel paese dei cedri si trascina dal 29 ottobre 2019, quando l'allora primo ministro Saad Hariri si era dimesso a seguito delle proteste popolari cominciate dodici giorni prima. (Lib)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..