LIBIA
 
Libia: viceministra Sereni, pensare anche ai civili vittime degli scontri
 
 
Roma , 17 gen 17:16 - (Agenzia Nova) - Se dopo nove mesi "né (Khalifa) Haftar né (Fayez al) Sarraj sono riusciti ad avere la meglio militarmente l'uno sull'altro, nonostante gli aiuti dall'esterno, credo sia evidente che l'unica soluzione sia il dialogo politico che implica l'inclusione di tutte le parti". Lo ha dichiarato intervenendo al programma di Radio 24 "Nessun luogo è lontano" la viceministra degli Esteri Marina Sereni, che ha aggiunto: "Dopo mesi di combattimenti, la situazione sul terreno è molto deteriorata. Comprensibilmente non c'è un buon clima tra la popolazione che ha risentito degli scontri. Si è accumulato dolore, sofferenza e odio. Quando si parla di Libia dobbiamo ricordare che ci sono tanti civili coinvolti. Bisogna fare qualcosa per loro, recentemente, per esempio, l'Italia ha accolto dei bambini libici che necessitavano di cure specifiche per malattie molto serie. Ora si stanno curando a Roma. Dobbiamo pensare anche a tutto questo - ha concluso Sereni - quando si parla della necessità di avviare un negoziato". (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..