MEDIO ORIENTE
 
Medio Oriente: premier Israele Netanyahu insiste su annessione Valle del Giordano
 
 
Gerusalemme , 08 dic 2019 18:39 - (Agenzia Nova) - È tempo di applicare “la sovranità israeliana sulla Valle del Giordano e di legalizzare tutti gli insediamenti in Giudea e Samaria”, che diventeranno “parte dello Stato d’Israele”. Lo ha dichiarato oggi il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, in occasione di una conferenza organizzata dal quotidiano conservatore “Makor Rishon”. Già lo scorso settembre, prima delle elezioni politiche, Netanyahu aveva annunciato di avere un piano per l’annessione della Valle del Giordano, che copre circa un terzo della Cisgiordania, in caso di rielezione come capo del governo. I risultati del voto non gli hanno tuttavia consentito di formare una maggioranza. Oggi Netanyahu ha ribadito l’invito a Benny Gantz, leader della coalizione rivale Kahol Lavan, a formare un governo di unità nazionale. “Non è troppo tardi”, ha aggiunto. Il premier uscente è stato tuttavia incriminato nel frattempo per tre casi di corruzione e Kahol Lavan ha fatto sapere nei giorni scorsi di essere pronto a formare una maggioranza con il Likud solo nel caso in cui quest’ultimo scarichi Netanyahu.

Netanyahu ha affermato oggi di volere inoltre che gli Stati Uniti riconoscano la sovranità israeliana sulla Valle del Giordano, riferendo di aver discusso del dossier di recente con il segretario di Stato Usa Mike Pompeo, pur senza presentare all’alleato un piano dettagliato. Il mese scorso era stato tuttavia lo stesso Pompeo ha dichiarare che gli Stati Uniti non condividono più la posizione della comunità internazionale sugli insediamenti israeliani in Cisgiordania, ritenuti illegali dalla gran parte dei paesi membri delle Nazioni Unite. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..