TURCHIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Turchia: oggi riunione Consiglio sicurezza nazionale per discutere misure contro Kurdistan iracheno (3)
 
 
Ankara, 22 set 2017 10:11 - (Agenzia Nova) - Si sono moltiplicati negli ultimi giorni gli appelli di Baghdad e di paesi stranieri alla regione autonoma del Kurdistan iracheno perché cancelli o rinvii il referendum sull’indipendenza da Baghdad previsto per lunedì prossimo, 25 settembre. Il premier iracheno, lo sciita Haider al Abadi, ha anche minacciato il ricorso alla forza per sedare l'eventuale caos causato dal referendum. Nell'arena internazionale, invece, dopo la Turchia, l’Iran e gli Usa, anche il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, in alcune dichiarazioni alla stampa, ha invitato le autorità del Kurdistan iracheno a rivedere la loro decisione, considerata “inopportuna” in un momento delicato per l’Iraq e l’intera regione mediorientale. In Europa, sia il Regno Unito che la Spagna e la Francia hanno espresso riserve riguardo al referendum anche se con toni diversi. Il governo di Madrid, infatti, alla luce della sua esperienza all’interno dei confini nazionali con il movimento secessionista catalano, ha definito “illegale” il referendum curdo, mentre Parigi ha usato un tono più misurato: il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian ha definito il referendum “un’iniziativa inappropriata”, invitando Erbil e Baghdad al dialogo. (segue) (Tua)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..