SIRIA
 
Siria: Gentiloni, avviare transizione che coinvolga maggior numero di forze possibile
 
 
Roma, 07 ago 2015 17:39 - (Agenzia Nova) - La crisi siriana "è uno degli aspetti più delicati da risolvere per sconfiggere il terrorismo e Stato islamico" e "noi siamo convinti che una transizione possa essere avviata: naturalmente per mettere in piedi un processo di transizione che porti ad un cambio di regime ci vuole un concorso del maggior numero di forze diverse possibile. Lo ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, nel corso del punto stampa con l'omologo saudita Adel al Jubeir, al termine del loro incontro alla Farnesina. "Nelle ultime settimane le distanze tra le posizioni nella regione e nella comunità internazionale si sono almeno in parte ravvicinate e il lavoro di Staffan De Mistura può avere oggi qualche chance in più di successo", ha detto Gentiloni, ribadendo che "mettere in piedi un processo di transizione che porti ad un cambiamento richiede un coinvolgimento di diverse forze sia della regione che esterne" e necessita dell'impegno di paesi come Arabia Saudita, Russia, Usa, mi auguro lo stesso Iran, che "ci aiuti ad arrivare ad una transizione per il cambiamento". (Mam)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..