LIBIA
 
Libia: ex ufficiale esercito libico, italiani uccisi a Sabrata da brigata vicina allo Stato islamico
 
 
Tripoli, 03 mar 2016 11:35 - (Agenzia Nova) - I due cittadini italiani che potrebbero essere stati uccisi a Sabrata, nell’ovest della Libia, sarebbero vittime della milizia Battar, legata allo Stato islamico. E’ quanto ha dichiarato ad "Agenzia Nova" l’ex ufficiale dell’esercito libico Ramzy al Rumeeh. “Si tratta di un gruppo armato dedito al traffico di esseri umani e attivo a Sabrata", ha spiegato l’ex ufficiale. "La formazione armata - ha precisato dunque al Rumeeh - è legata allo Stato islamico, ma sostiene parallelamente anche il governo di Tripoli del premier Khalifa al Ghwell”. Secondo la Farnesina, due dei quattro italiani dipendenti della società di costruzioni “Bonatti” rapiti nel luglio 2015 sarebbero rimasti uccisi in una sparatoria avvenuta nei giorni scorsi nella regione di Sabrata. In una nota, il ministero degli Esteri ha fatto sapere che dalle immagini degli scontri avvenuti nella zona emerge come due delle vittime potrebbero essere proprio due degli ostaggi, segnatamente Fausto Piano e Salvatore Failla. La Farnesina ha precisato di aver “già informato i familiari”, aggiungendo che sono in corso verifiche rese difficili dall'indisponibilità dei corpi. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..