ROMANIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Romania: al via il primo gennaio presidenza di turno Consiglio Ue, governo scommette su rilancio progetto europeo (3)
 
 
Bucarest, 26 dic 2018 11:00 - (Agenzia Nova) - Il prossimo Quadro finanziario pluriennale, che dovrà essere approvato entro marzo 2019, sarà fondamentale per fissare le linee del bilancio comunitario fino al 2027. E’ nota la posizione di alcuni paesi, in particolare quelli del Gruppo di Visegrad (V4), Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca e Ungheria, che hanno annunciato di volere ridurre l’apporto al bilancio tagliando alcune voci, quali i fondi per l’agricoltura e la politica di coesione. Finanziamenti fondamentali per lo sviluppo della Romania negli ultimi anni, anche alla luce dei progetti infrastrutturali già approvati e della recente crisi sanitaria, a causa della diffusione della peste suina africana che ha provocato ingenti danni economici a tanti allevatori. Il ruolo della Romania sarà, quindi, cruciale nel condurre i negoziati per trovare un compromesso e adottare il prossimo budget comunitario. Inoltre il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo di coesione, che costituiscono in media circa un terzo del bilancio, hanno avuto la supervisione, da quando l’esecutivo del presidente Jean-Claude Juncker è entrato in carica nel novembre del 2014, della romena Corina Cretu come commissario europeo per la Politica regionale. Quest’ultima ha più volte richiamato le autorità di Bucarest a rendere più efficiente il sistema di assorbimento dei fondi Ue e ad adeguarsi alle indicazioni arrivate da Bruxelles in particolare sullo stato di diritto e sulla giustizia. (segue) (Rob)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..