KOSOVO
Mostra l'articolo per intero...
 
Kosovo: ministro Esteri Pacolli a "Nova", a 10 anni da dichiarazione di indipendenza tanti i progressi raggiunti (6)
 
 
Roma, 26 gen 2018 12:00 - (Agenzia Nova) - Passando al tema dell’iniziativa parlamentare per l’abolizione del Tribunale speciale sui crimini dell’Esercito di liberazione del Kosovo (Uck), Pacolli chiarisce che in ogni caso non verranno danneggiati i rapporti con gli alleati internazionali. “Penso che il Kosovo non danneggerà i rapporti con la comunità internazionale, in quanto la maggioranza dei cittadini kosovari non vuole questo ma vuole che il Tribunale speciale faccia giustizia”, evidenzia Pacolli osservando tuttavia che la genesi di questo organismo, con sede a l’Aja ma istituito nel 2015 tramite una legge kosovara, “forse non è stata giusta” in quanto “avrebbe dovuto trattare anche altri crimini” e non solamente i fatti avvenuti nell’anno e mezzo conclusivo del conflitto nei Balcani. “La competenza del Tribunale speciale – spiega - sarebbe dovuta andare anche più indietro nel tempo, in modo da non limitarsi soltanto ai membri dell’Uck ma anche ad indagare sugli altri che hanno commesso crimini durante il conflitto nei Balcani”. Ma – ribadisce -, anche se una revisione della legge istitutiva sarebbe auspicabile, “non possiamo fare niente e adesso dobbiamo accettarlo così come è: il Kosovo deve rispettare tutti gli obblighi presi a livello internazionale”. (segue) (Pav)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..