MYANMAR
Mostra l'articolo per intero...
 
Myanmar: governo respinge esito indagini Onu su violenze rohingya (6)
 
 
Naypyidaw, 29 ago 2018 05:56 - (Agenzia Nova) - La decisione del governo birmano di far partecipare esperti stranieri all’indagine sulla crisi dei musulmani Rohingya ha posto il consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, leader di fatto del paese, in rotta di collisione contro il potente capo delle Forze armate. Suu Kyi e il suo governo si trovano così stretti in una morsa, tra le critiche della comunità internazionale e delle Ong da una parte, e dall’altra il pericoloso malcontento delle sfere militari. Il governo di Suu Kyi ha annunciato il 31 maggio scorso la nomina di una commissione indipendente per investigare le violazioni dei diritti umani e le violenze subite dai musulmani Rohingya nello Stato di Rakhine, teatro di una vasta operazione di sicurezza dopo una serie di attentati islamisti lo scorso anno, culminata in un esodo verso il vicino Bangladesh. La commissione, che sarà composta di tre membri, includerà “una personalità internazionale”. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..