LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: Fratoianni (Si), porti non sicuri , stracciare accordi governo con Tripoli
 
 
Roma, 25 giu 14:36 - (Agenzia Nova) - Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana ha affermato che "il conflitto esploso e tutt'oggi in corso in Libia continua quotidianamente a produrre morti, feriti, a distruggere le infrastrutture civili a rendere insicura la permanenza in quel paese per gli abitanti libici, per i libici che là risiedono, ma anche e in particolare per i rifugiati che in Libia si trovano in una condizione di restrizione della propria libertà". Intervenendo in Aula a Montecitorio sulla discussione sul rifinanziamento delle missioni internazionali, Fratoianni ha aggiunto: "La missione di sostegno e di addestramento della cosiddetta guardia costiera libica non solo con la donazione delle nostre motovedette ma anche con l'addestramento dei militari libici si configura nei fatti come la partecipazione italiana a operazioni che hanno il segno del respingimento illegale di migranti verso paesi nei quali non sia garantita la sicurezza di quelle persone. Ogni volta che in Italia qualcuno festeggia perché la cosiddetta Guardia costiera libica è intervenuta per impedire un naufragio e la dichiara come un soggetto in grado di salvare delle persone dalla morte, qualcuno in questo paese festeggia un respingimento collettivo, dunque un atto illegale rispetto alle convenzioni internazionali". (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..