GIAPPONE
 
Giappone: avvocati ex presidente Nissan Ghosn criticano sistema giudiziario
 
 
Tokyo, 19 nov 2019 06:57 - (Agenzia Nova) - Gli avvocati difensori di Carlos Ghosn, l’ex presidente di Nissan arrestato a novembre dello scorso anno con l’accusa di gravi reati finanziari, hanno rinnovato oggi le loro critiche nei confronti del sistema giudiziario del Giappone, e in particolare delle procedure relative alla pubblica accusa. Gli avvocati hanno ribadito la determinazione di Ghosn a combattere le accuse a suo carico. La nota diffusa dagli avvocati di Ghosn afferma che il loro assistito è stato sottoposto a una serie di pratiche discutibili durante gli oltre 100 giorni trascorsi agli arresti, prima del rilascio su cauzione. Ghosn, però, “è determinato a combattere vigorosamente queste accuse infondate”, e “attende ‘opportunità di ristabilire la verità dei fatti e riunirsi alla sua famiglia”.

Gli avvocati di Ghosn affermano che il loro assistito sia stato sottoposto a una “imboscata” in occasione del suo primo arresto all’aeroporto di Haneda, il 19 novembre scorso; ed hanno denunciato il sistema giudiziario giapponese, che ha loro dire ha tenuto Ghosn “in ostaggio”, sottoponendolo ad oltre quattro mesi di arresto in isolamento e “interrogandolo incessantemente per ore ogni giorno”. Infine, gli avvocati si sono scagliati contro le condizioni “punitive e inumante” cui è vincolata la libertà condizionata del loro assistito, incluso il divieto di parlare o incontrare la moglie, a sua volta sospettata di irregolarità finanziarie. (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..