AZERBAIGIAN
Mostra l'articolo per intero...
 
Azerbaigian: la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e il lavoro per la sicurezza dei profughi (4)
 
 
Baku, 27 gen 10:45 - (Agenzia Nova) - "Se dovesse esserci una guerra oggi l'Azerbaigian è molto più forte dell'Armenia dal punto di vista militare", assicura Hasanov. "La popolazione locale – afferma - è stanca e non conosce i dettagli delle trattative diplomatiche in corso. Le trattative non possono durare per sempre. Comunque continuiamo a sperare nella diplomazia e ci fidiamo delle nostre istituzioni; dall'altra parte ricevo spesso richieste dai profughi sul fatto che la pazienza sta per finire e che dopo 25 anni sono urgenti sviluppi concreti". Qui le "ferite" del conflitto sono ancora aperte e la pazienza di coloro che vorrebbero tornare nelle loro terre non sembra infinita. Stesso discorso vale anche per il distretto di Khojavand, dove la creazione di campi profughi è più strutturata essendo stata avviata già da molti anni. "I primi soldi provenienti dal petrolio sono stati impiegati dal governo dell'Azerbaigian per finanziare alcuni campi profughi", spiega Eyvaz Huseynov, capo del distretto di Khojavand, amministrato temporaneamente dal distretto azerbaigiano di Beylagan. (segue) (Pav)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..