GIORDANIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Giordania: Karak, agente polizia rimasto ucciso in nuovo scontro a fuoco (9)
 
 
Amman, 20 dic 2016 16:24 - (Agenzia Nova) - Il coinvolgimento della Giordania nella lotta contro lo Stato islamico è stato rifiutato da una parte della popolazione più radicale, residente soprattutto nelle città di Maan e Irbid, ma anche nello stesso governatorato di Karak, che dall’inizio della guerra in Siria ha ospitato diverse migliaia di profughi siriani soprattutto di fede islamica sunnita e dove in questi anni sono state compiute varie operazioni per sgominare cellule estremisti soprattutto legate ai Fratelli musulmani e alla galassia dei salafiti. Entrambi i movimenti islamisti, soprattutto le loro frange armate, hanno approfittato della divisione interna alla società giordana per reclutare giovani adepti, anche di famiglie illustri, tra cui il figlio dell’ex premier Mazen Dalaeen. In totale sarebbero almeno un migliaio i cittadini giordani fuggiti dal paese per combattere al fianco dei terroristi in Siria e in Iraq. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..