ISTRUZIONE
Mostra l'articolo per intero...
 
Istruzione: rettore Alma Mater Studiorum a “Nova”, studenti al centro rilancio Processo Bologna (3)
 
 
Bologna, 25 giu 16:12 - (Agenzia Nova) - Il rettore dell’Università di Bologna ha ricordato che il nuovo percorso del sistema universitario prese il via il 18 settembre 1988 data in cui fu firmata la Magna Charta Universitatum a cui seguì 11 anni dopo la Dichiarazione di Bologna. “L’obiettivo era quello di creare la European Higher Education Area (Ehea) e oggi a 20 anni di distanza possiamo dire che questa è nata ed è veramente qualcosa di unico”, ha aggiunto Ubertini, secondo cui la presenza di rappresentanze di 80 paesi all’evento di ieri dimostrano “quanto vi sia interesse nel mondo affinché la spinta e l’innovazione che hanno portato al Processo di Bologna diventino patrimonio dell’umanità”. Tuttavia, per il rettore dell’ateneo bolognese “guardando al futuro c’è ancora molto da fare perché gli obiettivi iniziali non sono ancora stati completamente raggiunti”. Infatti Ubertini ha osservato: “L’implementazione di una zona di libera circolazione del sapere in Europa va ancora migliorata e vi sono ancora troppe rigidità; i titoli non sono riconosciuti in maniera automatica; la mobilità è ancora riservata a troppi pochi studenti”. In questo contesto “si parla di Carta europea dello studente ma non ci siamo ancora arrivati”, ha aggiunto Ubertini, secondo cui vi “è un tema di accesso all’istruzione che va affrontato in maniera maggiormente coesa dagli Stati europei, ma soprattutto ci sono nuove sfide all’orizzonte oggi vi è un tema enorme di radicamento dell’Università nella società” ovvero “di come l’università deve essere radicata localmente e confrontarsi globalmente”. (segue) (Sic)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..