SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: Assad, presenza Usa genererà resistenza militare (2)
 
 
Mosca, 15 nov 12:57 - (Agenzia Nova) - “Nessuno crede che la Turchia possa rimpatriare nel nord-est della Siria tre milioni di rifugiati”, ha attaccato Assad: si tratta di “un ingannevole slogan umanitario” usato da Ankara per “creare un conflitto etnico” e “inserire nell’area una nuova comunità estremista, in linea con la visione” del presidente Erdogan. Assad ha parlato a lungo della questione curda. Secondo il presidente siriano, la maggior parte dei curdi è composta da “patrioti che sostengono il loro Stato e il popolo siriano”. Tuttavia, ha aggiunto, “ci sono dei gruppi, alcuni curdi e alcuni arabi, che lavorano sotto il comando degli Stati Uniti”. Attualmente vi è con loro “un dialogo”: l’obiettivo di Damasco è di “convincerli che sarà possibile ottenere la stabilità solo se tutti si impegnano al rispetto della Costituzione siriana”. “Dopo nove anni di guerra, credo che la gente comprenda l’importanza di abbracciare lo Stato al di là delle differenze politiche”, ha evidenziato Assad. Ogni guerra, ha osservato inoltre il presidente siriano, provoca “molti cambiamenti” nella società, ma questo non implica necessariamente una divisione del paese o una secessione. Anzi, per Assad il conflitto deve essere “un’esperienza dalla quale il paese uscirà più forte” di prima. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..