NATO
 
Nato: dichiarazione ministri Esteri, violazione russa trattato Inf non è sostenibile
 
 
Bruxelles , 04 dic 2018 19:04 - (Agenzia Nova) - La violazione del Trattato sulle forze nucleari a medio raggio (Inf) da parte della Russia non è sostenibile e sta a Mosca garantire il rispetto del trattato. Questo il contenuto della dichiarazione sull'Inf rilasciata oggi dai ministri degli Esteri della Nato dopo la riunione ministeriale odierna. Secondo i ministri, il trattato è stato fondamentale per sostenere la sicurezza della Nato per oltre 30 anni e gli alleati hanno concluso che la Russia ha sviluppato e messo in campo un sistema missilistico, il 9M729, che violerebbe il trattato Inf ponendo rischi significativi per la sicurezza euro-atlantica.

"Sosteniamo fortemente la constatazione degli Stati Uniti secondo cui la Russia ha violato materialmente i suoi obblighi ai sensi del Trattato Inf. Per oltre cinque anni, gli alleati e gli Stati Uniti in particolare, hanno ripetutamente sollevato le loro preoccupazioni con la Federazione Russa, sia a livello bilaterale che multilaterale. Come abbiamo affermato nella dichiarazione del vertice di Bruxelles di luglio, la Russia ha risposto alle nostre preoccupazioni con smentite e confusione. Solo recentemente ha riconosciuto l'esistenza del sistema missilistico, ma senza fornire la necessaria trasparenza o spiegazione", hanno scritto i ministri.

Secondo la Nato, gli Stati Uniti sono rimasti pienamente conformi agli obblighi derivanti dal trattato Inf dalla sua entrata in vigore e gli alleati hanno sottolineato che la situazione in cui gli Stati Uniti e le altre parti rispettano pienamente il trattato e la Russia no, "non è sostenibile". La violazione da parte della Russia del trattato Inf "erode le basi di un controllo efficace delle armi e mina la sicurezza alleata. Questo fa parte del più ampio modello di comportamento della Russia che intende indebolire l'architettura di sicurezza euro-atlantica".

Per questi motivi, gli alleati sono impegnati a preservare la stabilità strategica e la sicurezza euro-atlantica e continueranno a garantire la credibilità e l'efficacia della deterrenza generale e della difesa dell'Alleanza. "Continueremo a consultarci regolarmente al fine di garantire la nostra sicurezza collettiva. Continueremo a tenere sotto stretto controllo la messa in campo dei missili russi a raggio intermedio", hanno continuato i ministri nella dichiarazione. Gli alleati sono fermamente impegnati a preservare l'effettivo controllo internazionale delle armi, il disarmo e la non proliferazione. "Pertanto, continueremo a sostenere e rafforzare ulteriormente il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione, come elemento chiave della sicurezza euro-atlantica, tenendo conto del contesto di sicurezza prevalente" hanno scritto ancora. "Continuiamo ad aspirare ad una relazione costruttiva con la Russia, quando le azioni della Russia lo rendono possibile. Come recentemente confermato al vertice di Bruxelles, restiamo aperti al dialogo con la Russia, anche nel Consiglio Nato-Russia. Chiediamo alla Russia di tornare con urgenza alla piena e verificabile conformità. Spetta ora alla Russia preservare il Trattato Inf", hanno concluso. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..