MIGRANTI
 
Migranti: Hrw e Amnesty denunciano l’Italia alla Corte europea dei diritti dell’uomo
 
 
Roma, 15 nov 12:36 - (Agenzia Nova) - Human Rights Watch e Amnesty International hanno presentato una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo contro l’operato italiano sulla questione dei migranti e sulla sua cooperazione con la guardia costiera della Libia. La denuncia, presentata lo scorso 11 novembre, accusa l’Italia di concorrere insieme alla Libia a trattamenti inumani contro i migranti e di essere corresponsabile nella violazione dei diritti umani nelle operazioni marittime in cooperazione con le autorità libiche, le quali costringono al rimpatrio forzato in Libia. Amnesty International e Human Rights Watch chiedono che l’Italia venga accusata “di continue violazioni dei diritti umani nei confronti di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in Libia, e che venga condannata la cooperazione e il sostegno dell’Ue, in particolare dell’Italia, con la Libia”. La denuncia cita in particolare gli eventi del novembre 2017, quando l’Italia contribuì al rimpatrio di 47 persone in Libia che, una volta rientrate, avrebbero subito abusi e torture da parte dei libici. Stéphane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite in Libia, Antonio Guterres, ha dichiarato ieri che “la Libia non è un posto appropriato dove riportare indietro rifugiati e migranti”. Parlando nel corso di una conferenza stampa a New York, il portavoce del numero uno delle Nazioni Unite ha ricordato che “Unhcr e Oim (le agenzie Onu per i rifugiati e le migrazioni) sono coinvolte in programmi per portare queste persone fuori dalle violenze e dal conflitto in corso Libia”. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..