ITALIA-GIAPPONE
 
Italia-Giappone: Italian Japan Business Group, focus su smart city ricerca medica ed economia digitale
 
 
Tokyo, 16 nov 2019 17:41 - (Agenzia Nova) - Molto proficui i panel operativi del XXXI.mo Italian Japan Business Group (Ijbg), due giorni annuale di confronto e collaborazione tra le business community di Italia e Giappone, che, da parte italiana, allea le forze di Ice Agenzia, Fondazione Italia Giappone e Confindustria. L'Ijbg si declina in un'Assemblea generale e in quattro focus tematici sui settori più avanzati dell'innovazione e dell'industria. Vi hanno partecipato, oltre ai rappresentanti degli organismi fondatori, autorità politiche, esponenti di organizzazioni imprenditoriali, di singole aziende multinazionali e non, di centri di ricerca e di Università, sia italiani sia giapponesi. La riunione gode dei patrocini dei Ministeri italiani dello Sviluppo economico e degli Esteri e del nipponico Meti (ministero dell'Economia, del Commercio internazionale e dell'Innovazione). I principali temi affrontati dall'Assemblea sono stati: Smart cities & Renewable Energy; Medical & Healthcare; Digital Economy; Start-up.

Durante il panel sulle Smart cities & Renewable Energy si è messo in luce come il paradigma dell'Intelligenza Urbana proponga un connubio tra mondo fisico e digitale per il miglioramento della qualità di vita dei cittadini. Dal panel, che ha affrontato il tema da diversi punti di vista, è emersa una proposta che mira a rendere Venezia esempio di smart city. Ice Agenzia, Toyota, Enel, IHI, Cnr, IJBG al lavoro in sinergia, per ricercare soluzioni praticabili. Nel corso dei lavori di questa sessione, inoltre, il presidente italiano aderim dell'IJBG, Umberto Vattani ha ricordato, insieme al rappresentante della Toyota, i due accordi firmati dal Sindaco di Venezia il 5 settembre a Mestre, nell'ambito Japan week in Venice, con Eni e Toyota: il primo sulla creazione di una piattaforma con Eni, per la produzione, lo stoccaggio e l'utilizzo sul posto dell'idrogeno; il secondo per l'installazione di due stazioni di rifornimento a idrogeno a Mestre, probabilmente le prime in Italia ad andare in funzione.

Vattani ha, poi, segnalato a Yutaka Kunisada, presidente della Solutions Headquarters della IHI, l'importanza dell'area industriale di Marghera e delle attività di riconversione che la riguardano, invitando le grandi industrie giapponesi presenti a prendere in considerazione l'idea del Sindaco Luigi Brugnaro di impiantare in quell'area laboratori di ricerca, in particolare sull'uso industriale dell'idrogeno: Marghera può costituire un eccellente hub per approfondire in Europa possibili usi idrogeno in particolare nel settore della nautica, imbarcazioni, motoscafi, traghetti e grandi navi. Il rappresentante del CNR, Angelo Volpi ha sottolineato l'importanza di una maggiore collaborazione bilaterale su questi stessi temi, ideando un polo di ricerca che tenga insieme le esperienze comuni. Il rappresentante di Toyota, Yusei Higaki, Responsabile dell'External Affairs della Società, ha espresso soddisfazione per la posizione avanzata assunta dal Comune di Venezia e ha suggerito incontri nei tempi brevi per uno sviluppo ulteriore della collaborazione in atto. Inoltre, per FS Italiane, Giovanni Rocca, Senior Vice President International Business Promotion, è intervenuto, evidenziando il ruolo potenzialmente strategico delle stazioni quali hub naturali delle Smart Cities del futuro e di quanto l'Italia e, nello specifico, il Gruppo FS Italiane, stanno portando avanti in questo ambito.

Il panel Medical & Healthcare ha sottolineato come le aziende italiane e giapponesi siano all'avanguardia nella ricerca per cure sempre più avanzate, in particolare in campo oncologico. La collaborazione internazionale è fondamentale per il progresso della scienza medica e per l'armonizzazione delle regolamentazione del settore farmaceutico, tema quest'ultimo fortemente presente nello stesso Trattato EPA fra Giappone e UE. Nel corso del panel, si è perseguito l'obiettivo di rafforzare il dialogo fra le strutture di ricerca dei due Paesi, in modo da procedere a un'alleanza scientifica e tecnologica utile per l'avanzamento delle linee di ricerca. Inoltre, Leonardo Helicopter division ha presentato la sua produzione di velivoli avanzati per il soccorso, già in forza in molteplici strutture mediche del Giappone. Il panel sulla digital economy ha dimostrato come le nuove tecnologie digitali trovino un campo di applicazione estremamente vasto, spaziando dalle tecnologie per i pagamenti cashless, l'analisi delle esigenze dei consumatori, il monitoraggio in tempo reale della sicurezza sul lavoro, il potenziamento dei servizi nei trasporti per finire alle applicazioni nel campo della ricerca astrofisica e della vulcanologia. Inoltre, grazie alle soluzioni di digital economy, è possibile incentivare il Venture capital e modelli di business innovativi per canalizzare il risparmio, gli investimenti stranieri a sostegno di start-up, in una nuova finanza che consenta lo sviluppo del digitale.

La sessione dedicata alle startup ha ospitato progetti di vari settori che hanno mostrato differenti declinazioni del concetto di innovazione. In sintesi i progetti, selezionati ad hoc dalla struttura dell'IJBG, hanno riguardato: Applicazioni per il supporto e monitoraggio dell'attività fisica; sistemi per lo sfruttamento eolico dell'energia dei tifoni; soluzioni per il monitoraggio della produzione industriale e della manutenzione; biotecnologie applicate alle bio plastiche; applicazioni mobili per facilitare le comunicazioni e le transazioni nel mondo della ristorazione; soluzioni per l'arredo urbano intelligente e integrata con altri servizi per il cittadino (wifi, centralina di ricarica elettrica, illuminazione stradale); sostenibilità ambientale applicata al commercio digitale. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..