Esteri
Mostra l'articolo per intero...
 
I fatti del giorno - Medio Oriente
 
 
Roma, 23 ott 12:00 - (Agenzia Nova) - Siria: colloquio telefonico Assad-Putin dopo accordo tra Russia e Turchia sul nord-est - Il presidente della Siria, Bashar al Assad, ha avuto ieri sera un colloquio telefonico con l’omologo della Russia, Vladimir Putin, che ieri ha firmato un accordo con il capo dello Stato turco Recep Tayyip Erdogan sul controllo della Siria nord-orientale. Lo riferisce l’agenzia di stampa ufficiale di Damasco “Sana”. Nel corso della conversazione, “Putin ha sottolineato l’impegno all’integrità territoriale della Siria, precisando che tutti gli accordi tra la Russia e la Turchia si concentreranno sul contrasto a ogni forma di terrorismo e ad agende separatiste nei territori siriani”. Assad, da parte sua, ha ribadito il rifiuto “categorico” a ogni invasione in territorio siriano, affermando che “coloro che portano avanti obiettivi separatisti si assumono la responsabilità per gli sviluppi attuali”. Il presidente siriano ha anche auspicato il ritorno dei rifugiati nelle loro regioni di provenienza “per fermare i tentativi di cambiamento demografico che alcune parti hanno cercato di imporre”, riaffermando la determinazione della Siria a combattere il terrorismo e l’occupazione di ogni porzione di territorio siriano con “tutti i mezzi legittimi”. Assad ha fatto riferimento in particolare al proposito della Turchia di trasferire nella cosiddetta “zona di sicurezza” parte dei 3,6 milioni di rifugiati accolti in passato da Ankara, proposito ribadito ancora ieri sera da Erdogan. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..