ROMANIA
 
Romania: presidente Iohannis presenta candidatura a elezioni novembre, "voglio un paese normale"
 
 
Bucarest, 20 set 13:33 - (Agenzia Nova) - Per la candidatura del presidente romeno Klaus Iohannis sono state raccolte oltre 2,2 milioni firme: l'obiettivo principale è quello di rendere la Romania un paese normale. Lo ha detto lo stesso presidente romeno, Klaus Iohannis, che oggi si è recato presso l'ufficio elettorale centrale per presentare la sua candidatura per le elezioni presidenziali di novembre. "Ho presentato oggi la mia candidatura per un altro mandato da presidente della Romania e ho presentato insieme al Partito nazionale liberale (Pnl) oltre 2,2 milioni di firme di romeni che sostengono questa candidatura. È un numero enorme e mi rallegra molto. Sono molto contento che questa azione di raccolta firme sia stata realizzata, ovviamente attraverso e con il sostegno di Pnl e di coloro che sono dalla nostra parte", ha affermato il presidente Iohannis presso l'ufficio elettorale centrale.

Iohannis ha sottolineato che "è un periodo complicato per la Romania e ci vuole tantissimo lavoro per riparare tutto ciò che il Partito socialdemocratico (Psd) ha rovinato in questi quasi tre anni". "È necessario modernizzare la Romania, c'e' bisogno di ospedali moderni, autostrade, scuole pulite, un'amministrazione che abbia al centro il cittadino. E tutte queste cose devono essere fatte, devono essere ricostruite e tutti dobbiamo capire che questo può essere semplicemente chiamato: la Romania normale. Quello che voglio per il mio paese è una Romania normale, che significa istituzioni funzionali, il rispetto dei diritti dei cittadini. La Romania normale è un paese dal quale i giovani non vogliono più andarsene, la Romania normale è il paese in cui molti di coloro che sono partiti vogliono tornare con amore e speranza ", ha affermato il capo dello Stato affermando che, attraverso i mezzi costituzionali e gli strumenti a sua disposizione, è riuscito a prevenire "molti dei danni pianificato del Partito socialdemocratico".

"Di recente, ho avuto un notevole, bellissimo successo, insieme ai romeni, quando siamo riusciti al referendum del 26 maggio, insieme a 6 milioni e mezzo di cittadini, a fermare la distruzione della giustizia pianificata e parzialmente attuata dal Psd. Ed è necessario un lavoro di ricostruzione, ripristino, normalizzazione, modernizzazione della Romania. Sono disposto a guidare questo lavoro, so cosa bisogna fare con un governo filoeuropeo, un governo democraticamente eletto, un governo che senza dubbio si formerà attorno ai liberali. Farò questo lavoro per i romeni. Voglio questo secondo mandato per guidare questo lavoro di modernizzazione, europeizzazione, normalizzazione della Romania", ha affermato il presidente aggiugendo che il Psd deve essere rimosso dal potere con mezzi democratici e costituzionali. (Rob)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..