NATO
 
Nato: Talò, tra Conte e Stoltenberg ribadito impegno ad incremento spese, non cifre precise
 
 
Bruxelles, 11 ott 17:12 - (Agenzia Nova) - Nell'incontro tra il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, e il premier Giuseppe Conte, mercoledì a Roma, non sono state prospettate delle cifre precise in merito allo sforzo economico dell'Italia nella difesa, ma è stato confermato l'impegno da parte italiana a proseguire su un piano di graduale incremento. Lo ha detto il rappresentante permanente d'Italia presso il Consiglio atlantico, Francesco Talò, a margine della cerimonia di consegna all'addetto stampa dell'Alleanza, Daniele Riggio, dell'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine della Stella d'Italia. Talò ha sottolineato, inoltre, che la cosa importante è che il segretario generale abbia riconosciuto l'impegno dell'Italia su capacità e contributi, due delle tre 'C' su cui si misura l'impegno degli alleati (Cash, Capabilities, Commitment - denaro, capacità, contributi), anche se questo non cambia il fatto che l'Italia debba continuare ad impegnarsi sulla terza 'C', quella del cash.

Dall'incontro tra Stoltenberg e Conte, "a me risulta un impegno a proseguire su un piano di graduale incremento. E' la tendenza quello che conta e Stoltenberg questo ha chiesto, nulla di più", ha detto Talò rispondendo a una domanda sulla promessa che Conte avrebbe fatto a Stoltenberg di aumentare di 7 miliardi di euro la spesa in difesa. Talò ha sottolineato che "l'apprezzamento di Stoltenberg è venuto soprattutto sulle altre 'C'" e che "la cosa positiva è che Stoltenberg riconosce all'Italia questo ruolo importante sui contributi, cioè la partecipazione alle missioni. Lo stesso Stoltenberg riconosce l'importanza di questa altra parte degli impegni che vengono presi dalle nazioni", ha spiegato. "Questo ci pone, quindi, in una posizione più confortevole, senza nulla togliere alla necessità di impegnarci gradualmente in quella linea di tendenza", ovvero quella di un aumento anche della parte cash. "Nessuno ha detto: "Ci impegniamo a darti X"", ha sottolineato. Si tratta, quindi, di "una tendenza, che è quella che c'è", ma, "assolutamente, non c'è stata nessuna pressione", ha concluso. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..