TUNISIA
 
Tunisia: in crescita il deficit energetico, ora al 52 per cento
 
 
Tunisi, 21 ott 20:05 - (Agenzia Nova) - Il disavanzo della Tunisia nel settore energetico ha raggiunto il 52 per cento nel 2018 rispetto al 49 per cento dell’anno prima. Lo ha reso noto il ministro dell’Energia e delle Piccole e medie imprese, Slim Feriani, nel corso di un seminario sulla riforma del settore. Feriani ha avvertito che il deficit potrebbe raggiungere il 73 per cento entro il 2030 se le fonti di approvvigionamento resteranno le stesse e la domanda interna di energia continuerà a crescere. Il ministro ha dunque sottolineato la necessità di trovare nuove soluzioni per affrontare l’emergenza, poiché il disavanzo nel settore continua a squilibrare la bilancia commerciale. Feriani ha ricordato come lo Stato abbia stanziato fondi per 856 milioni di euro a sostegno del settore energetico, ovvero circa il 7 per cento del bilancio pubblico, mentre le importazioni di carburanti hanno rappresentato circa un terzo del deficit commerciale. Nel tentativo di porre rimedio alla situazione, la Tunisia ha avviato un programma di transizione energetica a lungo termine volto a creare un sistema “efficiente e diversificato”, meno legato ai combustibili fossili, promuovendo allo stesso tempo uno sviluppo economico, sociale ed economico a basso impatto ambientale. La riforma energetica avviata a partire dal luglio del 2019, ha spiegato Feriani, punta ad aiutare il paese a realizzare la sua transizione energetica ed è finanziato dal Fondo di transizione energetica del Partenariato di Deauville (G7) per 3,8 milioni di dollari.
(Tut)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..