TUNISIA
 
Tunisia: presidente Consiglio Shura Ennahda, movimento pronto per governare
 
 
Tunisi, 20 ott 18:22 - (Agenzia Nova) - Ennahda è pronto a governare la Tunisia e una personalità politica del movimento islamico moderato sarà scelta per guidare il prossimo governo in virtù della vittoria delle elezioni parlamentari dello scorso 6 ottobre. Lo ha annunciato oggi il presidente del Consiglio della Shura del movimento, Abdulkarim Harouni, in una conferenza stampa. L’esponente del movimento islamico moderato tunisino ha dichiarato che il suo partito formerà il prossimo governo e che una personalità di Ennahda guiderà il prossimo esecutivo. Harouni ha affermato che il nome del futuro capo del governo sarà oggetto di consultazioni all’interno del Consiglio della Shura. I negoziati iniziali sono stati condotti in questa direzione, ha affermato Harouni, il quale ha aggiunto che il presidente dei Ennahda, Rachid Ghannouchi, ha già avviato i contatti con il partiti Attayar, Echaab, Tahya Tounes e la coalizione Al Karama, oltre alle organizzazioni Unione generale del lavoro (Ugtt), Unione dell'industria, del commercio e dell'artigianato (Utica) e Unione tunisina dell'agricoltura e della pesca (Utap). Per il presidente del Consiglio della Shura di Ennahda i contatti sono stati “positivi” e che vi è la possibilità di avviare negoziati "seri" per la formazione di un governo che tenga conto degli interessi del paese. “Quel governo sarà formato sulla base di un programma volto ad affrontare le sfide economiche e sociali, combattere la corruzione, preservare il potere d'acquisto dei cittadini, stimolare l'occupazione e migliorare la sicurezza”, ha sottolineato.

Secondo Harouni, il prossimo governo non sarà formato sulla base di quote politiche e dovrà essere sviluppato un programma comune prima di distribuire portafogli ministeriali e scegliere i ministri. In merito al lancio di consultazioni ufficiali per formare il governo, Harouni ha affermato che Ennahda ha creato un comitato negoziale composto da membri del Consiglio Shura e dell'Ufficio esecutivo di Ennahdha sotto la presidenza di Rached Ghannouchi. Harouni ha inoltre ribadito che il suo partito rifiuta di negoziare con il partito Qalb Tounes e il Partito destouriano libero (Pdl). Per quanto riguarda il desiderio di Ennahda di guidare il prossimo governo, Harouni ha dichiarato che il Consiglio Shura è unanime sull'importanza che il premier venga scelto tra le personalità del partito. "Questa questione non è negoziabile", ha affermato. "Ennahdha, che ha vinto le elezioni parlamentari, ha il diritto di guidare il governo e formare il Gabinetto sulla base di un programma da sviluppare con i suoi partner", ha dichiarato Harouni.

Ennahdha sta conducendo un dialogo interno sulla personalità in grado di gestire al meglio gli affari dello Stato, indipendentemente dal suo regolamento interno che autorizza il suo presidente Ghannouchi ad essere di fatto considerato come prima scelta per accedere ad alti incarichi istituzionali, ha sottolineato Harouni. “La decisione finale spetta alle istituzioni del partito”, ha assicurato. Sul rapporto di Ennahdha con il neoeletto presidente della repubblica, Kaies Saied, Harouni ha ribadito che il suo partito consulta il capo dello Stato nel quadro della Costituzione e in conformità con i poteri che sono affidati a ciascuno. (Tut)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..