SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: al via il 17 ottobre a Milano l'Italian Arab Business Forum
 
 
Milano, 15 ott 17:15 - (Agenzia Nova) - Si terrà a Milano il 17 ottobre, presso il Centro Congressi di Assolombarda, la terza edizione dell’Italian Arab Bunsiness. Organizzato dalla Joint Italian Arab Chamber of Commerce (Jiacc) in collaborazione con Assolombarda, Union of Arab Chambers e Promos Italia - Agenzia nazionale per l’internazionalizzazione del sistema camerale, il Forum é realizzato in partnership con la Qatar Chamber of Commerce e la Jordan Chamber of Commerce, con il patrocinio del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, del ministero dello Sviluppo economico, dell’Italian Trade Agency - Ice e di Regione Lombardia. Secondo quanto riferisce un comunicato stampa della Jiacc, l’importanza strategica delle relazioni economiche tra Italia e paesi arabi e la crescente necessità di un ulteriore sviluppo degli scambi commerciali con l’area del Medio Oriente e Nord Africa (Mena) nel suo complesso hanno portato l’Italian Arab Business Forum a diventare un appuntamento annuale di primo rilievo per la comunità economico finanziaria e per gli interlocutori Istituzionali di entrambe le parti. Il Forum torna a Milano dopo l’edizione inaugurale svolta nel 2017 presso la Camera di Commercio di Milano e dopo l’edizione 2018, quando oltre 600 partecipanti sono stati accolti presso l’Auditorium di Confindustria a Roma, confermandosi quale prestigiosa occasione per lo scambio di informazioni e la condivisione delle idee, coerentemente con il concetto chiave “#strongertogether” che ben rappresenta lo spirito della manifestazione. Gli ospiti d’onore del Forum saranno Qatar e Giordania. Grazie all’abbondanza di risorse naturali, in particolare di gas naturale, l’emirato del Qatar è un’economia in piena crescita con uno dei redditi pro-capite più alti del mondo. Come sottolinea la Jiacc, “in questi ultimi anni la politica economica del Qatar si è focalizzata sulla diversificazione e sullo sviluppo di tutti quei settori non legati all’estrazione energetica come petrolchimica, immobili, finanza, istruzione, salute, sport e turismo”. In quest’ottica, il Qatar ha lanciato una serie di riforme economiche racchiuse nel programma “Qatar Vision 2030”, che mirano a diversificare l’economia nazionale. Come esempio di questo nuovo corso, il Qatar ha ottenuto i diritti per ospitare la Fifa World Cup 2022, che rappresenta una grande opportunità per imprese locali, regionali e internazionali in vari settori. Una delegazione di primo livello sarà presente al Forum in rappresentanza dello Stato del Qatar, con la presenza, tra gli altri, del ministro del Commercio e dell’Industria, Ali bin Ahmed al Kuwari, e del presidente della Camera di commercio del Qatar e membro della famiglia reale Sheikh Khalifa bin Jassim bin Mohammad al Thani. La Giordania è situata in posizione strategica nel cuore del mondo arabo, alle frontiere di Siria, Iraq, Arabia Saudita, Palestina ed Egitto. Il regno hashemita ha lanciato una serie di riforme economiche, tra cui il “Jordan Economic Growth Plan”, il programma di riforme legislative e fiscali, che bene illustrano il nuovo potenziale di sviluppo del sistema economico. Grazie alla sua posizione, la Giordania potrà inoltre ricoprire, secondo quanto si legge nel comunicato stampa della “Jiacc”, un ruolo fondamentale di hub nella ricostruzione dei paesi vicini: il governo sta investendo molto per potenziare l’infrastruttura logistica, che dovrà assorbire migliaia di tonnellate di beni per sostenere la ricostruzione di Siria e Iraq. La delegazione del regno hashemita sarà guidata dal ministro dell’Industria Tariq Hammouri e dal presidente della Camera di commercio giordana Nael al Kabariti. Il programma del Forum affronterà tematiche di grande attualità, dando anche spazio ai principali trend di sviluppo di settori che nel futuro potranno giocare un ruolo centrale nelle relazioni economiche e commerciali tra Italia e paesi arabi. Al mattino i panel di discussione si concentreranno su: Economia digitale, Turismo, Infrastrutture e Mega-progetti, mentre i workshop del pomeriggio, più tecnici, saranno dedicati a: Agroindustry Arbitrato Internazionale. Oltre ai già citati rappresentanti dei Paesi ospiti d’onore, parteciperanno al Forum, tra gli altri: il presidente della Union of Arab Chambers Mohamad Abdo Saeed, il vice presidente di Assolombarda Alessandro Spada, il presidente di Promos Italia Giovanni Da Pozzo, il vice presidente di Confindustria digitale Cristiano Radaelli, la vice presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli, il Chief Executive – Middle East, Turkey and Africa di Intesa Sanpaolo Christophe Hamonet e il fondatore di Eataly Oscar Farinetti. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..