MESSICO
 
Messico: inflazione a settembre al 3 per cento su anno, livello più basso in ultimi tre anni
 
 
Città del Messico, 10 ott 17:18 - (Agenzia Nova) - L'indice dei prezzi al consumo in Messico ha registrato a settembre una crescita dello 0,26 per cento su mese e del 3 per cento su anno. Il dato, certificato dall'istituto nazionale di statistica (Inegi), riporta l'inflazione del paese nordamericano al livello del 2016, confermando il raffreddamento dei prezzi nell'anno in corso. Si tratta del quinto mese consecutivo in cui l'indice risulta in calo. Il livello raggiunto nel nono mese dell'anno è perfettamente in linea con l'obiettivo fissato dalla Banca centrale (Banxico), del 3 per cento l'anno con un punto percentuale in più e in meno di variazione. Ad agosto l'inflazione era calata dello 0,02 per cento su mese, arrivando alla quota del 3,16 per cento su anno. Era stato il progressivo raffreddamento della corsa dei prezzi a spingere, tra le altre cose, la Banxico a tagliare 25 punti base dal tasso di sconto, nella riunione di metà agosto.

Dopo le impennate del 2017 - con punte fino al 6,77 per cento - l'inflazione in Messico ha intrapreso un percorso altalenante di rallentamento, arrivando con ritardo a sfiorare gli obiettivi fissati dalla Banxico. Il tema del controllo dei prezzo continua dunque ad essere di rilievo nella politica economica del paese nordamericano. A metà maggio il collegio dei governatori della Banca centrale ha deciso di confermare - per la terza volta consecutiva - il tasso di sconto all'8,5 per cento. Si tratta del livello più alto battuto negli ultimi dieci anni, mantenuto tale proprio in ragione delle difficoltà a riportare sotto controllo la corsa dei prezzi. La variabile macroeconomica è tenuta sotto osservazione anche dai diversi osservatori internazionali.

Nel rapporto presentato a inizio giugno, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ritiene che l'inflazione sia destinata ad assestarsi al 3,8 per cento nel 2019 e al 3,5 per cento per l'anno prossimo. La politica adottata dalle autorità monetarie per tenere sotto controllo la corsa dei prezzi è "adeguata", con il tasso di sconto tenuto ai livelli più alti degli ultimi dieci anni, in un contesto in cui energia e alimentazione non smettono di esercitare la pressione al rialzo sul paniere. Le attese sull'inflazione si muovono all'interno della forchetta fissato da Banxico anche se il ritmo del calo è "lento". Nel "World Economic Outlook" pubblicato ad aprile, il Fondo monetario internazionale ha stimato una crescita annua dell'inflazioni pari al 3,8 per cento, in netto calo rispetto al 4,9 per cento con cui si era chiuso il 2018. (Mec)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..