SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Ecaudor, proteste anti-austerità, Petroecuador decreta stato Forza maggiore
 
 
Quito, 10 ott 14:30 - (Agenzia Nova) - La compagnia energetica ecuadoriana Petroecuador sospende gli obblighi contrattuali in vigora fino a quando non saranno terminati gli assalti alle proprie strutture da parte dei manifestanti contrari alle misure economiche del governo. Disturbi che hanno, si legge in una nota, hanno spinto il ministero dell'Energia e risorse naturali a paralizzare le operazioni del Sistema de Oleoducto Transecuatoriano (Sote) dalle 13 del 9 ottobre. Petroecuador ha notificato la clausola di Forza maggiore "a tutte le compagnie con le quali ha in essere contratti legati alla commercializzazione internazionale degli idrocarburi" riservandosi di tenerla attiva "per tutto il tempo in cui il paese rimarrà nelle attuali circostanze". La clausola di "Forza maggiore" o "Caso fortuito", inserita nei contratti internazionali stretti da Petroecuador, permette di evitare sanzioni o multe a fronte di possibili ritardi nella consegna di greggio. Ad oggi, riportano i media locali, la compagnia energetica ecuadoriana ha contratti a medio termine con le imprese statali Petroperù e con al cilena Enap, e intese di lungo periodo con Petrochina, Unipes e Petrothailandia. La sigla ecuadoriana segnala che le perdite causate dalle proteste, ad oggi, ammontano a circa 12,8 milioni di dollari, frutto della mancata produzione di 231.800 barili di greggio. (Brb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..