SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Libano, Italia protagonista nella seconda giornata del forum Ibef 2019
 
 
Beirut, 26 set 17:15 - (Agenzia Nova) - Ice-Agenzia organizza oggi, nell’ambito dei lavori dell'’International Beirut Energy Forum (Ibef 2019), una sessione dedicata alle opportunità di cooperazione industriale tra Italia e Libano dal titolo “Italy: case studies on Italian tecnologies and solutions in the renewable energy and energy efficiency sector”. Nel pomeriggio si terrà una sessione di incontri bilaterali tra le aziende dei due Paesi. Gli incontri organizzati sono 224, secondo quanto riferisce un comunicato stampa di Ice-Agenzia, che coordina la partecipazione di una delegazione di imprese italiane del settore delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico. Obiettivo della missione è lo sviluppo di partnership industriali e commerciali tra imprese italiane e imprese libanesi per cogliere le opportunità che emergono dal Piano energetico del Governo libanese per il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo del 30 per cento di produzione di energia da fonti rinnovabili entro il 2030. A sostegno della delegazione italiana sono intervenuti il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con Unido-Itpo e Anima (Federazione delle associazioni nazionali dell’industria meccanica varia e affine). L’attività è stata svolta con la collaborazione dell’ambasciata d’Italia a Beirut. La delegazione italiana è composta da 14 aziende e raggruppamenti di imprese che coprono un’ampia offerta di servizi, tecnologie avanzate e prodotti legati all’energia rinnovabile, all’efficienza energetica, alle infrastrutture energetiche e agli edifici verdi. Le aziende italiane presenti sono: CeiPiemonte - Piemonte Agency; Cmp Impianti; Gestore dei servizi energetici (Gse); Proger; Ptsclas; R.I. group; Rovatti A. e figli pompe; Siel; Società industriale prefabbricati armati (Sipa); Zeco di Zerbaro e Costa; Ibef rappresenta una piattaforma importante per conoscere i programmi governativi nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico. Le opportunità per le imprese italiane sono sostenute anche da una linea di credito di 5 milioni di euro del Governo italiano per la realizzazione di progetti con una componente italiana di almeno il 60 per cento. Altra linea di credito italiana favorisce l’utilizzo della nostra tecnologia relativa alle pompe di calore. Nel corso della sessione conclusiva di domani, 27 settembre, il ministro dell'Energia libanese, Nada Boustani, lancerà ufficialmente la seconda gara per costruire centrali eoliche da 500 megawatt. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..