SPAZIO
 
Spazio: Cina, lanciati tre nuovi satelliti del sistema BeiDou
 
 
Pechino, 23 set 05:54 - (Agenzia Nova) - La Cina ha inviato in orbita con successo due satelliti del sistema di navigazione satellitare BeiDou (Bds). Il lancio è avvenuto dal centro di lancio Xichang, nella provincia del Sichuan, alle ore 05:10 di oggi, ora di Pechino. Lo riferisce la stampa cinese, che spiega che i satelliti sono stati lanciati su un razzo vettore Lunga marcia-3B, e rappresentano il 47mo e 48mo satellite della famiglia di satelliti Bds. I nuovi satelliti e il razzo vettore sono stati sviluppati dall'Accademia cinese per la tecnologia spaziale e dall'Accademia cinese per la tecnologia di lancio, alle dipendenze della China Aerospace Science and Technology Corporation. Dopo i test in orbita, i nuovi satelliti verranno integrati alla rete Bds già in orbita per migliorare l'accuratezza del posizionamento del sistema. La Cina completerà la rete globale Bds entro il 2020. Il lancio di oggi ha rappresentato la 312a missione per i missili di trasporto della serie Lunga marcia.

La scorsa settimana la Cina ha inviato tre satelliti in orbite pianificate dal centro di lancio satellitare di Taiyuan, nella provincia cinese dello Shanxi. Lo riferisce l'agenzia ufficiale di stampa cinese "Xinhua" che spiega che i satelliti sono stati lanciati su un razzo vettore Long-4B alle 11:26 di oggi, ora di Pechino. Il satellite ZY-1 02D, è sviluppato dall'Accademia cinese per la tecnologia spaziale (Cast) ed è una parte importante dell'infrastruttura spaziale cinese. Il satellite fornirà dati di osservazione per la gestione delle risorse naturali, il monitoraggio ecologico, la prevenzione e il controllo delle catastrofi, la protezione dell'ambiente, l'edilizia urbana, i trasporti e la gestione delle emergenze. Con una durata prevista di cinque anni, ZY-1 02D formerà una rete con più satelliti da seguire. "Agirà nell'orbita solare a 778 chilometri sopra la terra. Su di esso è montata una telecamera a infrarossi con una larghezza di copertura di 115 chilometri che le consente di osservare città di grandi e medie dimensioni e di essere utilizzata per la pianificazione urbana", ha affermato il direttore del progetto, Li Yifan.

Il satellite può anche essere usato per osservare la concentrazione di clorofilla, la trasparenza dell'acqua e la concentrazione totale di materia sospesa nei laghi per aiutare a monitorare l'ambiente e prevenire l'inquinamento delle acque. Uno dei due piccoli satelliti lanciati sullo stesso razzo appartiene all'Università Normale di Pechino e si chiama BNU-1, mentre l'altro appartiene a una società di tecnologia spaziale privata con sede a Shanghai. Entrambi hanno una durata prevista di un anno. BNU-1, sviluppato da una società con sede a Shenzhen affiliata a Cast, pesa circa 16 kg e sarà principalmente utilizzato per monitorare il clima e l'ambiente polari, aiutando notevolmente la ricerca delle regioni polari e il cambiamento climatico globale. Il satellite può segnalare i cambiamenti del ghiaccio marino, che potrebbero aiutare con la navigazione della nave e fare valutazioni del rischio del canale. Il lancio di oggi è la 310ma missione della serie di razzi vettori Lunga marcia.

Ran Chengqi, capo dell'Ufficio di navigazione satellitare cinese ha annunciato a maggio che il valore complessivo della produzione dell'industria nazionale di navigazione satellitare della Cina ha superato i 300 miliardi di yuan (43 miliardi di dollari) nel 2018, e si prevede che la dimensione dell'industria supererà 400 miliardi di yuan (circa 60 miliardi di dollari) entro il 2020. "La portata delle applicazioni internazionali Bds continua ad espandersi", ha detto Ran, citando esempi che includono la conferma dei diritti di proprietà in Indonesia e il Laos, i servizi postali e il commercio online in Uganda, nonché un sistema di salvataggio delle informazioni e servizi di cronometraggio negli aeroporti del Pakistan. Il funzionario ha dichiarato che ad oggi sono in orbita 38 satelliti Bds, tra cui 18 satelliti Bds-2 e 20 satelliti Bds-3, che forniscono vari servizi agli utenti globali.

Il quotidiano cinese "Global Times" spiega che il volume delle vendite dei chip di navigazione BeiDou cinesi ha raggiunto più di 80 milioni di yuan (11,5 milioni di dllari), mentre i prodotti di schede e antenne ad alta precisione realizzati in loco hanno assorbito rispettivamente il 30 e il 90 per cento della quota di mercato nazionale. I prodotti vengono anche esportati in circa 100 paesi e regioni del mondo. Ran ha inoltre sottolineato l'uso crescente di applicazioni Bds in più settori nel paese. Gli ultimi dati forniti dal funzionario affermano che ad aprile, oltre 6,2 milioni di veicoli commerciali in Cina sono dotati di sistema Bds. Nel primo trimestre del 2019, tra i 116 modelli di telefoni cellulari che supportano la navigazione satellitare e che hanno chiesto di aderire al servizio di rete cinese, 82 di questi sono abilitati per Bds. (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..