GERMANIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Germania: Grande coalizione raggiunge accordo su misure per il clima, i primi dettagli (2)
 
 
Berlino, 20 set 14:39 - (Agenzia Nova) - Dal 2021, i diritti di emissione avranno un prezzo iniziale di 10 euro per tonnellata di CO2, inferiore a quello di 26,3 a tonnellata in vigore nell'Ue. A ogni modo, la Germania aumenterà tale gradualmente tale tariffa, fissandola a 35 euro per tonnellata nel 2025. Da allora, il prezzo verrà determinato in un corridoio compreso tra i 35 e i 60 euro dalla dinamica di domanda e offerta. “L'obiettivo è non pesare eccessivamente sui consumatori”, scrive la “Frankfurter Allgemeine Zeitung”. Il sistema dei diritti di emissione non dovrà, infatti, riguardare gli utenti, ma le imprese che forniscono o commercializzano combustibili fossili. A ogni modo, “il rifornimento per gli autoveicoli e il riscaldamento diverranno più cari”. Non è possibile determinare quale sarà l'incremento di benzina, diesel e gasolio da riscaldamento, ma si prevede che, con un costo dei diritti di emissione a 35 euro per tonnellata, il diesel possa aumentare di più di 9 centesimi di euro. Per compensare l'aumento dei carburanti, dal 2021 la franchigia per i pendolari aumenterà di 5 centesimi a chilometro. Pertanto, potranno essere detratti dalle tasse 35 centesimi di euro per ogni chilometro percorso, e non più 30. Allo stesso tempo, il prezzo dei biglietti ferroviari dovrebbe diminuire, mentre aumenterebbe quello degli aerei. A tale scopo, dal primo gennaio 2020, l'Iva sui biglietti del treno per le lunghe tratte verrebbe tagliata, mentre sarebbe aumentata quella per i biglietti aerei. Nel pacchetto per il clima, la Grande coalizione intende, inoltre, vietare dal 2026 l'installazione di sistemi di riscaldamento gasolio. Per sostituire le vecchie caldaie a combustibile fossile, gli utentiu riceveranno un sussidio pari a fino il 40 per cento (Geb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..